IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

giovedì 22 novembre 2012

VITA SU MARTE ?

di: Marco La Rosa

Quesito annoso ! E' una domanda che in molti si sono posti fin da tempi immemorabili. 
Sono persino state formulate ipotesi nelle quali, i nostri piu lontani antenati avevano origine proprio dal "Pianeta Rosso". 
Marte in effetti è un pianeta piu piccolo della Terra, e per questo la sua "minore gravita", sarebbe perfettamente calibrata per la nostra struttura fisica, e quindi l'apparato muscolo-scheletrico, nonchè quello cardio-vascolare, sarebbero molto più longevi. Insomma se Marte avesse atmosfera la nostra eta' media sarebbe triplicata.
Interessante davvero, ma per il momento accontentiamoci di "scoprire" se davvero "Curiosity" ha trovato tracce di componenti organici.

Buona lettura




SCOPERTI (probabilmente) I PRIMI COMPONENTI ORGANICI SU MARTE. SE FOSSE CONFERMATO...C'ERA LA VITA SUL PIANETA ROSSO. 

Gli scienziati che si stanno occupando del rover marziano Curiosity sembrano essere talmente eccitati da una scoperta definita "storica" da far fatica a trattenersi dall'annunciarlo al mondo intero, senza tuttavia rilasciare il più piccolo dettaglio.
I risultati sembrano provenire dallo strumento SAM, una delle apparecchiature installate su Curiosity per rilevare la presenza di componenti organici su Marte. "Stiamo raccogliendo dati mentre parliamo, e i dati sembrano davvero interessanti" sostiene John Grotzinger, a capo della missione.
Il Sample Analysis at Mars (SAM) è un pacchetto di strumenti a bordo del rover Curiosity specificamente progettato per analizzare l'atmosfera e il terreno marziani. Il set di apparecchiature è composto dal Gas Chromatograph (GC), dal Quadrupole Mass Spectrometer (QMS) e dal Tunable Laser Spectrometer (TLS).


Il laser è la componente chiave del sistema di analisi: riscalda porzioni di terreno o di roccia per consentire allo spettrometro e al cromatografo di analizzare il contenuto dei gas prodotti dall'evaporazione del materiale campione.
Il SAM è lo strumento che ha recentemente aiutato ad ottenere informazioni sul metano atmosferico di Marte, ed è una promessa nella ricerca di molecole organiche sul Pianeta Rosso. Se SAM riuscisse a rilevare la presenza di composti organici, è possibile che sia esistita, o possa ancora esistere, una qualche forma di vita marziana.
Stando alle parole di Grotzinger, durante l'analisi in cui SAM ha esaminato il campione di terreno coinvolto nel "caso del metano" sono stati osservati risultati sorprendenti. "Questi dati saranno inseriti nei libri di storia" ha affermato Grotzinger.
Il motivo per cui Grotzinger ed il suo team non rivelano alcun dettaglio sulla scoperta effettuata è la cautela. Non sono stati pochi, in passato, gli annunci plateali a mezzo stampa che sono stati successivamente ritrattati, o per lo meno ridimensionati dalla realtà dei fatti.
Il SAM è uno strumento sensibilissimo, e un solo campione microscopico di aria terrestre potrebbe alterare la lettura dei dati, come è successo nella serie di analisi atmosferiche che, inizialmente, determinarono la presenza di metano nell'atmosfera, per poi escluderla nell'analisi successiva. "Sapevamo fin dal principio che avevamo il rischio di portare aria dalla Florida. Ed è stato necessario ridurla e fare nuovamente la misurazione".
La sensibilità dello strumento è un'arma a doppio taglio: può rilevare la presenza di minuscoli composto organici e non, ma è particolarmente suscettibile alle contaminazioni dell'ambiente sperimentale. In un caso simile, la cautela e d'obbligo.
Saranno necessarie alcune settimane per completare l'analisi dei dati e ottenere finalmente qualche informazione. E' possibile che possa trattarsi di un annuncio relativo a forme di vita su Marte? Non vorrei spegnere ogni entusiasmo, ma la NASA non è nuova ad annunci che, dopo la pubblicazione dei dettagli, finiscono per interessare solo gli appassionati di astronomia.
SAM non è uno strumento pensato per rilevare direttamente una forma di vita (a meno che questa non si trovi a sostare di fronte al laboratorio del rover...), ma il "solo" rilevamento di molecole organiche potrebbe aprire nuove e interessantissime opzioni, come la possibile vita su Marte in un passato più o meno recente.
Nel mio piccolo, non posso fare altro che attendere, come tutti noi, e continuare a sperare che non si tratti dell'ennesimo fuoco di paglia, aggiornandovi non appena verranno pubblicate altre informazioni.



Nessun commento: