IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

martedì 30 aprile 2019

ESSERE, O NON ESSERE, QUESTO E' IL PROBLEMA...



Un esperimento in laboratorio dimostra che la realtà non esiste ?

Nel nostro mondo, la realtà è qualcosa di molto più complesso e sfumato di quanto sembri. In effetti, potremmo dire senza paura di fare errori che non esistono fatti oggettivi. L’affermazione può sembrare strana, ma un recente esperimento di fisica quantistica ha appena dimostrato che la natura stessa della realtà non è oggettiva, ma dipende da chi sta guardando. Sotto la direzione di Alessandro Fedrizzi, della British University of Heriot-Watt, un team di ricercatori è riuscito, per la prima volta, a portare in laboratorio le vecchie idee teoriche sulla natura elusiva dell’universo quantico, che è la base di tutto ciò che ci circonda ma che è governato da una serie di leggi molto diverse da quelle che governano il mondo su scala macroscopica. I risultati, appena pubblicati su Arxiv.org , hanno profonde implicazioni sulla nostra percezione di “ciò che è reale”. “Il metodo scientifico”, scrivono gli autori nel loro articolo, “si basa su fatti, stabiliti attraverso misurazioni ripetute e universalmente concordate, indipendentemente da chi li ha osservati. Ma in meccanica quantistica, l’obiettività di quelle osservazioni non è così chiara. ” L’esperimento coinvolge quattro diversi osservatori: Alice, la sua amica Amy, Bob e il suo amico Brian. La cosa inizia con Amy e Brian nei loro rispettivi laboratori. Una fonte esterna, che non si trova in nessuno dei due laboratori, genera una coppia di fotoni intrecciati. L’entanglement quantico è una sorta di “comunicazione istantanea” secondo cui, se due particelle sono intrecciate, ciò che accade ad una sarà immediatamente conosciuto dall’altra, indipendentemente dalla distanza a cui si trovano. La fonte esterna, quindi, invia uno dei due fotoni intrecciati ad Amy e l’altro a Brian. Successivamente, Amy crea un secondo paio di fotoni interlacciati nel suo laboratorio: uno per il sistema e l’altro per il test. Amy usa il fotone di prova per misurare lo stato del fotone ricevuto dall’esterno del laboratorio e stampa il risultato nel fotone del sistema attraverso l’entanglement quantico. In precedenti esperimenti teorici, la misurazione di Amy è memorizzata solo nella sua memoria. Ma nell’esperimento reale dei ricercatori, il risultato è memorizzato nel “sistema fotone”, che lo rende “l’osservatore. Una volta che Amy ha fatto le sue misurazioni, invia sia il fotone originale (quello che ha ricevuto dall’esterno) che il fotone del sistema alla sua amica Alice. A questo punto, Alice può fare due cose: Misurare il solo fotone proveniente dall’esterno, (misura A0) che sarebbe qualcosa di simile come chiedere ad Amy i suoi risultati, o lasciare che i due fotoni ricevuti interferiscano l’uno con l’altro e quindi fare le proprie misurazioni senza chiedere nulla ad Amy (misurazione A1). Nel frattempo, Brian sta facendo esattamente la stessa cosa con l’altro fotone originale, e Bob, che è nel suo laboratorio, ha le stesse opzioni di Alice per conoscere i risultati di Brian: o chiedergli (B0), o misurarli da solo lo stesso (B1). Se tutto ciò sembra fonte di confusione, la logica sottostante potrebbe sembrarla ancora di più. In effetti, secondo la meccanica quantistica, i risultati A1 e B1 (quelli stabiliti da Alice e Bob e i loro laboratori da soli) potrebbero essere in contrasto con A0 e A1 (quelli stabiliti da Amy e Alice). E questo, che sembra assurdo, può essere facilmente verificato eseguendo l’esperimento ancora e ancora, con Alice e Bob che fanno le loro scelte a caso e quindi calcolano le probabilità medie dei risultati. Come spiegano i ricercatori, il processo prevede di fare tre diversi presupposti. Il primo è che Alice e Bob hanno la completa libertà di scegliere come effettuare le loro misurazioni. Il secondo è che la scelta di Alice non influenza i risultati di Bob e viceversa. E il terzo caso, che ci dice nel mondo ci sono fatti che accadono che sono indipendenti dall’osservatore. Nelle parole di Fedrizzi, “i dati ottenuti dopo una misurazione concreta dovrebbero essere oggettivi, un fatto in cui tutti gli osservatori dovrebbero essere d’accordo”. Se le tre ipotesi fossero corrette, il calcolo delle probabilità non dovrebbe essere maggiore di 2. Ma l’esperimento reale ha dato un valore di 2,47. Il che implica che le tre assunzioni precedenti, o almeno alcune di esse, siano errate. Secondo precedenti esperimenti teorici, anche supponendo che le prime due assunzioni siano corrette, i risultati contraddittori possono continuare a verificarsi. Pertanto, secondo Fedrizzi, “un modo naturale per risolvere il problema è considerare che non ci sono fatti oggettivi”. Dicendo che la terza ipotesi è falsa. L’esperimento potrebbe avere implicazioni immense per la nostra comprensione della vera natura della “realtà quantistica”, che dipende in larga misura da come interpretiamo le teorie. Secondo Fedrizzi e i suoi colleghi, il loro lavoro favorisce interpretazioni che ritengono che i risultati di tutti gli esperimenti siano soggettivi. Allo stesso tempo, l’esperimento mette anche in discussione i principi generali della famosa interpretazione di Copenaghen, secondo la quale le proprietà di un sistema quantistico non esistono finché non vengono osservate, a quel punto diventano realtà oggettive, le stesse per tutti. Il lavoro di Fedrizzi e dei suoi colleghi nega anche l’interpretazione degli universi paralleli, secondo cui tutti i possibili risultati di una misura concreta sono reali e oggettivi, ma ciascuno in un universo diverso.

Da:

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs









domenica 28 aprile 2019

LA SINDONE TRA SCIENZA E FEDE...BUONA LA PRIMA...

...POSITIVO IL RISCONTRO A SALSOMAGGIORE TERME, DELLA PRIMA CONFERENZA
SULLA SINDONE : "TRA SCIENZA E FEDE" CHE CI PORTERA' PROSSIMAMENTE IN ALTRE CITTA' ITALIANE...VI TERREMO INFORMATI SULLE DATE...

UN PARTICOLARE RINGRAZIAMENTO AL CIRCOLO LETTERARIO "IL SALOTTO ILLUMINATO" PER IL PATROCINIO E L'OSPITALITA'. 
https://www.facebook.com/ilsalottoilluminato/posts/2340477049553521












SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs







giovedì 25 aprile 2019

THE ELECTRIC SKY : UNA SFIDA AI MITI DELLA MODERNA ASTRONOMIA - DONALD E. SCOTT








IL CIELO ELETTRICO

(THE ELECTRIC SKY)

Una Sfida ai Miti della Moderna Astronomia

di  Donald (Don) E. Scott

Riuscite a dare un senso ai comunicati stampa e ai programmi TV che tentano di spiegare le ultime "scoperte" astronomiche? Cose come l'energia oscura invisibile, spazi ripiegati in 11 dimensioni, e buchi neri che sputano materia? Se la risposta è no, avete molta compagnia. Infatti, c'è sotto un grandissimo equivoco... o peggio.

Gli astronomi hanno ignorato per anni l'attività elettrica nello spazio. Non possono dare spiegazioni ragionevoli a molte delle osservazioni fatte dagli strumenti astronomici più moderni, dimostrando la necessità che studino le proprietà del plasma elettrico nel cosmo. Se, come si vedrà, la maggior parte dei fenomeni osservati dalla moderna astronomia sono di natura elettrica, servirà forse una laurea in ingegneria elettrica per comprenderli? Assolutamente no. La persona mediamente informata può capire e dare giudizi razionali. Tutto ciò che serve è leggere e riflettere logicamente e criticamente sui problemi. Alcuni fatti basilari e pochi nuovi concetti saranno sufficienti. Una attenta lettura vi metterà in grado di dare una valutazione di questa nuova, più semplice ed entusiasmante cosmologia alternativa, basata sul plasma. Un libro scientificamente inattaccabile.
In astronomia e in cosmologia sta cominciando una rivoluzione che rivaleggerà con quella iniziata da Copernico e Galileo. Il fiume di sempre più bizzarri pronunciamenti provenienti da astronomi e cosmologi ha recentemente incontrato una seria sfida. Questa è guidata da una schiera di scienziati e ingegneri, diversi dei quali sono stati pionieri vincitori di Premi Nobel. Hanno offerto spiegazioni più semplici e verificabili sulla formazione e il funzionamento del cosmo. Le loro nuove idee, in modi diversi, stanno davvero "elettrizzando" il dibattito nell'astrofisica!
I difensori dell'ortodossia stanno resistendo a questa intrusione nel loro dominio, un tempo esclusivo. Ma le continue scoperte su come il plasma elettrico si comporta nello spazio stanno incessantemente forzando drammatici cambiamenti nel modo in cui vediamo l'universo. La disciplina della fisica del plasma elettrico ? che fino a poco tempo fa è stata al di fuori del reame dell'astronomia ? sta rapidamente rimpiazzando molte delle vecchie teorie delle tradizionali teorie. Ora sappiamo che lo spazio cosmico è pieno di elettricità (plasma elettrico) e nel corso degli ultimi decenni di studio di questa forma di materia c'è stato uno sviluppo, e si è stabilito un solido corpo di conoscenza scientifica.
Il cosmo infatti non contiene quelle entità misteriosamente non rilevabili che le presenti teorie astrofisiche richiedono. Sono adesso disponibili spiegazioni moderne e dirette di tutti i fenomeni che gli astronomi trovano così enigmatici. Chiunque sia interessato all'astrofisica ha bisogno di rendersi consapevole delle proprietà del plasma elettrico che riempie più del 99% dell'universo. Il nostro è davvero un Cielo Elettrico.

                       Indice
  1. Introduzione
  2. Le Regole della Scienza
  3. Alcuni 'Fatti Brutti'
  4. Quanto è Grande lo Spazio Intorno a Noi?
  5. Il Caso della Materia Mancante
  6. Il Caso dei Neutrini Mancanti
  7. Le Radici della Cosmologia
  8. I Pionieri del Plasma
  9. Stringere la Mano al Plasma
10. Il Sole Elettrico
11. L'Atmosfera Elettrica del Sole
12. Campi Magnetici Aperti e Altre Finzioni
13. Il Sistema Solare
14. Stelle (Cosmologia Elettrica)
15. Vagabonde, Burster e Pulsar
16. Galassie
17. Redshift e Big Bang
18. Abbassare il Ponte Levatoio
      Appendice A
      Appendice B
      Appendice C
      Appendice D

Nota Biografica sull'Autore:


Donald Scott ha conseguito la sua laurea e un'altra specialistica in Ingegneria Elettrica presso la University of Connecticut a Storrs, CT. Dopo la laurea ha lavorato per la General Electric a Schenectady, NY, e a Pittsfield, MA. Ha conseguito un dottorato in ingegneria elettrica al Worcester Polytechnic Institute, Worcester, Massachusetts, ed è stato un membro della facoltà del Department of Electrical & Computer Engineering alla University of Massachusetts/Amherst, dal 1959 fino al suo pensionamento nel 1998. Durante quel periodo ha ricevuto diversi riconoscimenti per il buon insegnamento. È stato, in tempi diversi, Assistant Department Head, poi Direttore del programma per gli studenti universitari, poi Coordinatore per le ammissioni alla laurea, e anche Direttore del College of Engineering's Video Instructional Program. Nel 1987, la McGraw Hill Book Company ha pubblicato il suo manuale di 730 pagine, An Introduction To Circuit Analysis - A System Approach. È autore di numerosi articoli e capitoli scientifici. È un astronomo amatoriale da tutta la vita. Alcune delle immagini dell'autore di oggetti astronomici possono essere viste a: www.astrotes.info

                                  UNA PUBBLICAZIONE :



                                       NON PERDERE LE ALTRE PUBBLICAZIONI:

                                http://www.omphilabs.it/prod/libri.htm

lunedì 22 aprile 2019

CONFERENZA: LA SINDONE TRA SCIENZA E FEDE...



LA SINDONE
ISTANTANEA DINAMICA DI UN FENOMENO STRAORDINARIO CHIAMATO “RESURREZIONE”
… TRA SCIENZA E FEDE…

a cura di Marco La Rosa & Giorgio Pattera


Abstract:

Un lenzuolo di lino di chiara origine antica, quattro metri e mezzo per uno. L’apparente, umile qualità del tessuto e le dimensioni ridotte sono inversamente proporzionali all’ampio e intenso dibattito che da sempre la Sindone suscita. L’uomo di cui è visibile l’immagine è il Cristo dei Vangeli? I segni delle torture corporali sono quelli subiti dal Nazareno durante la passione? Queste domande interrogano indistintamente comunità scientifica e persone comuni. L’arcivescovo Custode, Mons. Cesare Nosiglia, propone due criteri di riferimento: "scientificità" e "neutralità". Cioè: non si faccia ricerca sulla Sindone partendo da "ipotesi pregiudiziali", di cui inevitabilmente si vorrebbe avere conferma, ma si svolga invece un lavoro realmente scientifico, in modo da accrescere la conoscenza del Telo, mettendo a disposizione dell’intera comunità scientifica mondiale risultati di sperimentazioni che siano autorevoli e credibili. La "neutralità" della scienza dovrebbe essere il riferimento naturale per chi opera in tali contesti. La Sindone, infatti, non è dogma di fede, ma la tradizione e l’insegnamento della Chiesa guardano al Telo come “icona della Passione”, racconto impressionante di quelle sofferenza che i Vangeli descrivono nella crocifissione, morte e sepoltura di Gesù Cristo. Per questo, dice Nosiglia citando San Giovanni Paolo II, essa rimane “sfida all’intelligenza e specchio del Vangelo”.

“…l’energia è emanata dal corpo, ma proviene da una sorgente che si irradia da un punto non definito e sempre nella stessa direzione, ma interagisce con la materia su tutte le dimensioni…”

“…imprime l’immagine sotto e sopra… lo schema proiettivo si mantiene immobile, mentre il corpo si muoveIl fenomeno rilevato sulla Sindone è simile al risultato della fotografia stroboscopica, che consiste nell’impressione di più immagini, in rapidissima sequenza, di un corpo in movimento sulla stessa pellicola(dal commento al video del Prof. G.M. Catalano)

“È già noto che le macchie di sangue sulla Sindone contengono livelli elevati di bilirubina: ci sono diverse analisi quantitative, eseguite sulla Sindone nel 1978 da parte del gruppo di scienziati statunitensi dello STuRP (Shroud of Turin Research Project, Progetto di Ricerca sulla Sindone di Torino) e confermate da analisi parallele del prof. Baima Bollone, medico e professore ordinario di Medicina legale nell’Università di Torino. La bilirubina è una sostanza presente in eccesso nel sangue umano in due casi: quando la persona è malata di ittero oppure quando la persona è stata duramente percossa. Sembra quindi assai probabile che l’uomo della Sindone sia stato torturato”…

“Le misure di radio-datazione della Sindone tramite C-14 eseguite n el 1988 hanno fornito come risultato un’età risalente al medioevo, ma da scienziato io vedo che ci sono molti dubbi su quella misura. In particolare, un approfondito studio statistico del prof.Riani dell’Università di Parma ha permesso sia di evidenziare una probabile contaminazione dei campioni della Sindone usati per la datazione, sia di svelare che uno dei 4 lembi dati ai Laboratori non fu mai datato. Quest’ultimo fatto è stato tenuto segreto per 22 anni e rivela un comportamento non trasparente e censurabile di almeno uno dei laboratori che hanno partecipato alle misurazioni del 1988. In un mio articolo su “Academia.edu” ho riassunto alcuni dei principali problemi di affidabilità della misura di datazione effettuata nel lontano 1988”… (dal commento del Prof. Paolo Di Lazzaro (ENEA) – Vice-Direttore Centro Internazionale di Sindonologia).
     
“Oggi sappiamo quello che la Sindone non è: non è un dipinto, non è una fotografia, non è una bruciatura del tessuto, non è ottenuta tramite sfregamento, ma non conosciamo nessun meccanismo che può realizzare un’immagine con le stesse caratteristiche chimiche e fisiche dell’immagine della Sindone. Spesso la gente mi chiede se è la prova della Resurrezione, ma la risposta ad una domanda di fede non si trova sulla Sindone, ma negli occhi e nel cuore di coloro che la guardano. Una sintesi perfetta, che condivido”. (dal commento di Barrie Schworz, membro del Gruppo STuRP - Shroud of Turin Research Project).

BIBLIOGRAFIA:

http://marcolarosa.blogspot.com/2012/07/sindone-nuovi-studi-confermano.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2017/04/la-sindone-istantanea-dinamica-di-un.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2009/12/sindone-gli-studi-di-barbara-frale.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2009/04/nuove-rivelazioni-sulla-sindone.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2016/12/annichilazione-materia-antimateria-ama.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2011/12/lenea-smentisce-che-la-sindone-sia-un.html

http://marcolarosa.blogspot.com/2018/04/il-mistero-della-resurrezione.html

https://www.luoghimisteriosi.it/lazio/roma-sindone.html

https://agensir.it/chiesa/2018/07/17/nuovo-studio-sulla-sindone-nosiglia-torino-non-e-tanto-oggetto-di-scienza-ma-soggetto-di-pastorale/

  

CONTRIBUTI VIDEO:

Prof. Giuseppe Catalano (Istituto Internazionale Studi Avanzati di Scienze della Rappresentazione dello Spazio): “Analisi della Sindone attraverso restituzione fotogrammetrica”;
Prof. Paolo Di Lazzaro (ENEA): “La fisica e la Sindone”
Prof. Giuseppe Baldacchini (ENEA): “Gli studi radiativi sulla Sindone”
Prof.ssa Emanuela Marinelli (Sindonologa): “Tracce della Sindone nella storia antica”


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs








venerdì 19 aprile 2019

ERODOTO E LE NAVI EGIZIE




Segnalato da: CRISTIAN VITALI

Una scoperta archeologica conferma un racconto di Erodoto

Il relitto di un'imbarcazione dell'antico Egitto dimostra che uno dei racconti del greco Erodoto, finora messo in dubbio, era vero e molto preciso.

Un'imbarcazione utilizzata oltre 2.500 anni fa dagli Egizi per i commerci lungo il Nilo è venuta alla luce grazie a una ricerca archeologica condotta da Damian Robinson, direttore del Centro di Archeologia Marittima dell'Università di Oxford. La nave, lunga circa 28 metri, è stata rinvenuta, in ottimo stato di conservazione, nell'area archeologica dell'antica città portuale (oggi sommersa) di Thonis-Heracleion. Una scoperta importante per l'archeologia, ma ancora più importante per gli storici perché mette fine a una discussione che si è protratta a lungo su uno dei racconti di Erodoto (V secolo a.C.), considerati il "padre della Storia". Erodoto scrisse con grande dovizia di particolari, durante i suoi viaggi in Egitto, anche dell'esistenza di una particolare imbarcazione chiamata baris - e questa parte delle sue Storie era stata messa in dubbio, anche perché non erano mai stati rinvenuti reperti dell'imbarcazione.


 «Quando abbiamo scoperto il relitto ci siamo resi conto non solo che Erodoto non aveva inventato nulla, ma che è stato molto preciso nel descrivere l'imbarcazione», afferma Damian Robinson. Lo storico greco affermava di essere stato testimone della costruzione di una baris e di aver notato come gli operai tagliassero innanzi tutto tavole di due cubiti di lunghezza (un po' meno di 1 metro) che venivano sistemate come mattoni nella costruzione di un muro, poi a queste sovrapponevano tavole via via più lunghe. Il tutto veniva poi rivestito da papiri e il timone - dettaglio importante - passava attraverso un foro nella chiglia. La descrizione di Erodoto è ampia e ricca di dettagli, ma in generale storici e archeologi l'hanno sempre considerata imprecisa «perché», afferma Robinson, «mancavano reperti con i quali confrontarsi per interpretare correttamente lo scritto dello storico greco». Grazie allo scavo che ha portato alla luce quella che è stata chiamata "nave 17" si è appurato che quella descrizione era invece particolarmente precisa anche dal punto di vista "ingegneristico".

Da:

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs







mercoledì 17 aprile 2019

LA LETTURA DELLA MENTE UMANA...

In un'immagine tratta dal lavoro del team di Jack Gallant a Berkeley, le parole che rappresentano concetti diversi si sovrappongono su aree della corteccia cerebrale dove provocano le risposte più forti; sono codificate a colori per categoria di idee che esprimono. Foto: Alex Huth/The Gallant Lab a UC Berkeley


Arrivano le macchine per leggere la mente.

Scansioni cerebrali sempre più sofisticate si combinano con l'intelligenza artificiale per produrre strumenti in grado di tracciare i pensieri, testare la veridicità di quello che dite e, un giorno, forse, rendere le vostre conoscenze ed esperienze disponibili anche dopo il fine vita.

La risonanza magnetica per immagini (Mri), entrata nell’uso comune negli anni '80, ha reso visibile il cervello umano come mai prima. Per la prima volta, si è potuto vedere il tessuto cerebrale molle di un soggetto vivente, a un livello di dettaglio che poteva essere osservato in precedenza solo nelle autopsie. Per i medici che cercano di aiutare i pazienti il cui cervello è stato danneggiato o si è ammalato, la risonanza magnetica ha fornito una preziosa istantanea della loro condizione. Negli anni '90, i ricercatori hanno iniziato a misurare i cambiamenti nelle regioni cerebrali utilizzando una risonanza magnetica funzionale (fMRI). La tecnica rileva il flusso sanguigno ossigenato, rivelando l'attività cerebrale, non solo la sua struttura. Per i neuroscienziati cognitivi, che studiano i processi mentali, la fMRI era una manna dal cielo: Ha permesso di identificare in quali parti del cervello reagiscono, per esempio, volti, parole o odori. Era una finestra attraverso la quale vedere il cervello che dà un senso al mondo esterno. Improvvisamente era possibile vedere il pensiero umano che si increspa attraverso le regioni color arcobaleno delle scansioni cerebrali. Oggi, alla fMRI si sono aggiunti nuovi strumenti, alcuni ancora in fase di sviluppo, che consentirebbero agli scienziati di tracciare gli stati mentali umani con sempre maggiore precisione. I ricercatori stanno generando enormi quantità di informazioni sulla scansione cerebrale, e stanno analizzando questi insiemi di big data con le più recenti tecniche di calcolo, in particolare l'apprendimento automatico, un sottocampo dell’intelligenza artificiale (IA) specializzato nel trovare modelli di comportamento sottili e difficili da rilevare. A che cosa corrisponde tutto ciò? All'inizio di una rivoluzione. Gli scienziati stanno cominciando a svelare il quesito di come i cervelli materiali formano le menti immateriali. Sebbene motivata principalmente da obiettivi medici e terapeutici, questa ricerca può avere il massimo impatto pratico in settori quali il marketing dei prodotti, le interfacce informatiche e la giustizia penale. In definitiva, può aiutare a rispondere a domande fondamentali sulla coscienza e il libero arbitrio, o addirittura aprire la strada alla conservazione della conoscenza e della memoria degli individui molto tempo dopo che il loro corpo ha cessato di vivere. Alcune funzioni mentali, come la paura o il riconoscimento dei singoli volti, sembrano coinvolgere sezioni specializzate del cervello e sono quindi relativamente semplici da rilevare. Ma altre sono più distribuite, attivando contemporaneamente molte parti diverse del cervello; la fMRI può rilevare queste attivazioni correlate, e l'apprendimento automatico può trasformare i modelli in descrizioni sorprendentemente specifiche di ciò che un soggetto sta pensando o facendo. È come passare dall'identificazione di singole lettere alla lettura di parole e frasi. Infatti, percepire a quali parole o categorie di parole si sta pensando è uno dei risultati più impressionanti delle moderne neuroscienze cognitive. Jack Gallant e i suoi laboratori della University of California, Berkeley, hanno prodotto una mappa straordinariamente dettagliata di quali sezioni del cervello reagiscono a diverse parole e concetti semantici. In un articolo del 2016 sulla rivista Nature, hanno descritto un esperimento in cui sette volontari hanno ascoltato due ore di storie tratte da "The Moth Radio Hour", un popolare podcast narrativo, mentre le loro teste riposavano nella culla su misura di una macchina fMRI.

I ricercatori hanno registrato i cambiamenti nel flusso sanguigno di ognuna delle decine di migliaia di voxel, ovvero le unità di misura in una griglia tridimensionale di posizioni nel cervello. Hanno poi raggruppato le parole pronunciate nelle storie in 985 categorie, ognuna delle quali rappresenta una dimensione semantica comune. Correlando l'attività cerebrale con le parole usate per raccontare le storie, sono stati in grado di produrre una mappa dettagliata che rivela dove queste parole e concetti sono stati elaborati nel cervello. Studiare le reazioni cerebrali di ogni individuo, allo scopo di leggere nel pensiero, è un'impresa notevole ma troppo idiosincratica per avere valore pratico. Sembra, tuttavia, che il cervello delle persone organizzi ed elabori le stesse informazioni in modi simili. In un articolo del 2011 pubblicato sulla rivista Trends in Cognitive Sciences, Russell Poldrack (ora alla Stanford University) e i suoi collaboratori sono stati in grado di prevedere con elevata precisione in quale di un insieme di compiti mentali un individuo era impegnato, basandosi esclusivamente su studi condotti su altre persone. Questi compiti includevano, per esempio, chiedere ai soggetti di prova di giocare a un gioco di rischio, in cui ottenevano punti ogni volta che pompavano più aria in un pallone virtuale (premendo un pulsante), perdendo però tutti i loro punti se il pallone scoppiava. In un altro esperimento, ogni soggetto del test doveva decidere se alcune parole facevano rima tra loro. Guardando esclusivamente le scansioni cerebrali, i ricercatori sono stati in grado di identificare correttamente quali di otto compiti così diversi i nuovi soggetti stavano eseguendo in circa l'80% del tempo. Sembra che il modo in cui funziona il nostro cervello non sia unico, come a noi individui piace pensare. Con una migliore tecnologia di imaging, può diventare possibile intercettare il dialogo interno di una persona, nella misura in cui riflette usando parole. "La questione non è se sarà possibile, ma quando ", ha detto il dottor Gallant. Altri ricercatori stanno avendo lo stesso successo nel determinare che cosa si stia guardando, se ci si ricorda di aver visitato un particolare luogo o quale decisione si è presa. Questi risultati, per quanto notevoli, sono suscettibili di impallidire rispetto a ciò che si profila all'orizzonte con strumenti nuovi o migliorati. Tecniche emergenti, come la spettroscopia funzionale nel vicino infrarosso (fNIRS), possono espandere sostanzialmente gli usi potenziali. Il tessuto umano, compreso l'osso, è in gran parte trasparente alla luce infrarossa, almeno fino ad una profondità di pochi centimetri. Con la luce infrarossa che illumina il cranio e misurandone la quantità riflessa, i ricercatori sono in grado di quantificare le variazioni del flusso sanguigno. Questa tecnica presenta diversi vantaggi rispetto alla fMRI: è più veloce, più economica e più portatile, così il cervello dei soggetti può essere misurato mentre sono impegnati in attività comuni come l'esercizio fisico, l'interazione con altre persone e il gioco. Dal lato negativo, i dispositivi fNIRS attuali forniscono una risoluzione e una discriminazione del segnale inferiore rispetto all'fMRI e si limitano a misurare solo gli strati esterni del cervello. Diverse aziende offrono già dispositivi fNIRS commerciali, tra cui Hitachi, Biopac Systems e NIRX, e la tecnologia è in fase di test nei laboratori di Harvard, Yale e Stanford. Ma questi strumenti per la lettura della mente sono sviluppati in stile fantascientifico? Non del tutto ma quasi, per alcuni scopi commerciali e presto forse per procedimenti giudiziari. Considerate l'individuazione delle menzogne. Almeno due aziende, la No Lie MRI e la Cephos, hanno cercato di commercializzare sistemi di brain imaging il cui scopo è indicare se una persona crede di dire la verità, confrontando le diverse reazioni di un soggetto a domande innocue rispetto a domande cariche. Le loro affermazioni non sono state convalidate in modo indipendente e hanno ricevuto notevoli critiche da parte della comunità di ricerca; finora, i tribunali hanno rifiutato di accettare i loro risultati come prove. Un altro approccio per valutare la colpevolezza o l'innocenza di un sospetto è quello di determinare se sia a conoscenza di qualche particolare di un crimine, come la sua posizione, un'arma particolare o il volto della vittima. Diversi studi hanno dimostrato che la reazione del cervello agli stimoli familiari differisce in modi misurabili da quelli sconosciuti. Anthony Wagner e i suoi collaboratori dello Stanford Memory Lab hanno scoperto che erano in grado di rilevare se i soggetti credevano di avere familiarità con il volto di una particolare persona con una precisione dell'80% o superiore, in condizioni controllate, anche se in ricerche successive hanno notato che i soggetti possono intenzionalmente ingannare il programma. Se questi bug possono essere superati, i crimini del futuro potranno essere indagati e risolti con un confronto per determinare se un sospetto riconosce la vittima. Sebbene ci sia consenso tra gli esperti sul fatto che queste tecniche non sono ancora sufficientemente affidabili per l'uso nelle attività di contrasto, informazioni di questo tipo potrebbero rivoluzionare i procedimenti penali. Non si sarà in grado di riprodurre il ricordo di un imputato di un crimine come se fosse un video, ma determinare se hanno ricordi della scena del crimine o della vittima può giocare un ruolo cruciale nei processi futuri, come fa oggi la prova del DNA. Inutile dire che l'uso di tale tecnologia solleverebbe una serie di questioni etiche e costituzionali. Nei procedimenti civili, i giudici e le giurie lottano per stabilire i risarcimenti per compensare una vittima per il dolore e la sofferenza, stati psicologici a prova di facili misurazioni. Le compagnie di assicurazione assumono investigatori per accertare se l’assicurato è effettivamente ferito o stia fingendo. In futuro, queste domande potrebbero essere istruite con un test di brain imaging promettente per determinare se qualcuno stia soggettivamente provando dolore. Si consideri la controversa diagnosi di fibromialgia, una condizione che provoca un disagio diffuso in tutto il corpo, senza che ne sia nota l'origine fisica. La condizione è reale o immaginaria? Gli studi di imaging cerebrale hanno scoperto che le aree cerebrali che anticipano il dolore erano significativamente più attive nei pazienti con fibromialgia che in un gruppo di controllo quando i soggetti si aspettavano di essere colpiti da un raggio di un laser termico. Non a caso, questi pazienti hanno anche riportato livelli di dolore più elevati rispetto ai soggetti sani. In altre parole, sembrano essere più sensibili agli stimoli dolorosi di altre persone. Le nuove tecnologie possono rendere discutibile il dibattito sulla tortura e sulla sua presunta efficacia. Un "interrogatorio potenziato" diventerebbe una cosa del passato se gli investigatori potessero interrogare direttamente la mente di un sospetto terrorista per rivelare i complici e gli obiettivi. Il mondo dovrà decidere se tali metodi soddisfano gli standard dei diritti umani, soprattutto perché i governi autoritari li utilizzerebbero quasi certamente per cercare di identificare pensieri sovversivi o l'esposizione a idee o materiali proibiti. Una rivoluzione simile può verificarsi anche nelle questioni relative al fine vita. Studi su pazienti in stato vegetativo suggeriscono che, in alcuni casi, il loro cervello reagisce alle richieste parlate come fanno le persone sveglie, anche se non sono in grado di rispondere. L'attività cerebrale di una di queste pazienti era indistinguibile dai volontari sani, quando le è stato chiesto di immaginare di giocare a tennis o di muoversi per casa. Un altro studio recente ha previsto con grande precisione quali pazienti non responsivi sarebbero migliorati dopo sei mesi e quali no. Il monitoraggio dei cervelli potrebbe anche diventare più sistematico nel mondo del lavoro. Alcuni macchinisti di treni ad alta velocità e altri lavoratori in Cina già indossano dispositivi di monitoraggio del cervello mentre sono in servizio, per rilevare la fatica e la distrazione. Il South China Morning Post riferisce che alcuni dipendenti e lavoratori governativi in Cina sono tenuti a indossare sensori nascosti in caschi o uniformi di sicurezza per rilevare depressione, ansia o rabbia. Un dirigente di un'azienda di logistica ha dichiarato: "Ciò ha ridotto significativamente il numero di errori commessi dai nostri lavoratori". Anche le applicazioni per i consumatori possono creare nuovi mercati e industrie. Un giorno potrebbe essere possibile imparare con un certo livello di precisione se il vostro coniuge vi ama davvero, vi trova attraente o abbia una relazione. Futuri accordi prematrimoniali potrebbero richiedere una visita ad un centro di brain-scan presso il centro commerciale locale per rispondere ad alcune domande molto personali. Gli assicuratori o i datori di lavoro potrebbero richiedere ai candidati di sottoporsi a un test per determinare se hanno mentito sulla loro domanda. Le odierne tecnologie di scansione cerebrale forniscono una risoluzione relativamente grezza nello spazio e nel tempo, calcolando la media delle misurazioni su centinaia o migliaia di neuroni. Ciò che entusiasma i neuroscienziati cognitivi è la possibilità che i dispositivi migliorati offrano maggiori dettagli e precisione, magari fino al livello dei singoli neuroni. In questo modo si aprirebbero ogni sorta di nuove applicazioni e usi.

Attualmente computer ed elettronica è controllata attraverso il contatto fisico e, più recentemente, con la voce. In futuro, potremmo essere in grado di utilizzare questi gadget con i nostri pensieri. Immaginate di indossare un dispositivo discreto che vi permette di pensare: “alza la temperatura” o "apri la porta d'ingresso", o dettare il testo in un documento senza parlare o inviare silenziosamente un messaggio ad un amico. Le nuove tecnologie possono alla fine rendere possibile trasformare la vostra mente nella proprietà intellettuale definitiva, un retaggio da trasmettere ai posteri. Mentre le odierne tecniche di imaging richiedono che il soggetto sia vivo, un giorno arriverà in cui una mappa dettagliata del vostro cervello, fino ai neuroni e alle sinapsi, sia una parte standard delle autopsie, rendendo le vostre conoscenze ed esperienze disponibili attraverso software di analisi o di simulazione anche dopo che ve ne sarete andati. I futuri CEO saranno in grado di consultare il fondatore dell'azienda, a lungo deceduto ma ancora riverito? I discendenti di una persona saranno in grado di scoprire dove il nonno ha nascosto i soldi? Più profondamente, se i ricordi e la personalità sono in qualche modo conservati in un computer, questo cambierà anche ciò che significa essere morti? La prossima ondata di tecnologia cognitiva solleva profonde domande sulla natura delle nostre menti, sulla coscienza e sul libero arbitrio. Ma la rivoluzione arriverà lentamente. Progressi incrementali si tradurranno in applicazioni, prodotti e mercati che saranno difficili da prevedere, così come erano i social media all'inizio di Internet. Ma una cosa è certa: Il sistema giuridico, le istituzioni, i diritti e i costumi faranno fatica a adattarsi ad un mondo in cui i vostri pensieri più intimi possono essere oggetto di un mandato di perquisizione o diventare una questione da archivio pubblico. 

Il dottor Kaplan è un imprenditore tecnologico e docente e ricercatore affiliato alla Stanford University, dove insegna Impatto sociale ed economico dell'intelligenza artificiale. Henry T. Greely, professore alla Stanford Law School e presidente della International Neuroethics Society, ha contribuito a questo articolo.

da:

SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs