IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

giovedì 5 marzo 2015

VITA EXTRATERRESTRE NEL METANO?


SEGNALATO DA  CLAUDIO DALL’AGLIO (CENTRO DI RICERCHE ESOBIOLOGICHE GALILEO – PARMA)

BIOLOGIA IPOTETICA


Una suggestiva ipotesi di un'équipe della Cornell University: ripensare al funzionamento delle cellule per cercare la vita nello spazio

di Stefano Lamorgese

Escludendo qualche lodevole eccezione, molto spesso quando si pensa alla vita extraterrestre - agli "alieni" - li si immagina antropomorfi, cioè con forme e proporzioni corporee non tanto dissimili da quelle umane. E se anche non li si dipinge simili a noi terrestri nelle fattezze, certo si pone grande enfasi sull'acqua come ingrediente indispensabile per la vita. Senz'acqua, niente vita: in base a questo "teorema", gli astronomi che scrutano e setacciano lo spazio la vanno a cercare solo là dove c'è o potrebbe esserci acqua. Vita senz'acqua? Ma c'è anche chi riflette sulla possibilità dell'esistenza di forme di vita capaci di fare a meno dell'acqua, di formarsi e proliferare in ambienti che sarebbero estremamente "ostili" per le forme di vita terrestri, quelle che conosciamo da vicino. È il caso di un'équipe di studiosi che ha dato vita a un progetto di ricerca della Cornell University, il cui frutto è un documento molto interessante: "Membrane alternatives in worlds without oxygen: Creation of an azotosome" (Membrane alternative per mondi senza ossigeno: la Creazione di un azotosoma), realizzato da James Stevenson, Jonathan Lunine e Paulette Clancy. Briciole di vita "aliena" Partendo dal fatto che il 95% della membrana cellulare di qualsiasi cellula vivente sulla Terra - e che quindi a che fare con l'acqua - è costituito dalla doppia membrana fosfolipidica, gli scienziati si sono concentrati sulla possibilità di "disegnare" in laboratorio una cellula con una "pelle" diversa. Vivere nel metano a -162°C Si tratta di una membrana costituita da piccoli composti azotati organici, che è in grado di formarsi e di funzionare non nell'acqua ma nel metano liquido. Una pelle capace di resistere, quindi, a temperature criogeniche: a pressione atmosferica, infatti, il metano si presenta allo stato liquido alla temperatura di -162°C. Utilizzando simulazioni molecolari, i tre studiosi della Cornell University hanno dimostrato che queste membrane, immerse in un solvente criogenico, hanno caratteristiche dinamiche paragonabili al doppio foglietto fosfolipidico che avvolge le cellule della vita terrestre. Ma dove si trova un ambiente adatto? Il bello è che una cellula rivestita da una membrana siffatta potrebbe prosperare - ma è solo un esempio - su Titano, la luna di Saturno nota agli studiosi per l'esistenza di mari di metano liquido sulla sua superficie. Titano o no, l'ipotesi proposta da Stevenson, Lunine e Clancy apre alla ricerca della vita nello spazio una prospettiva nuova: ripensare la forma della vita, fin nei suoi più minuti dettagli funzionali, potrebbe veder aumentare esponenzialmente i luoghi nei quali andarla a cercare.


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs




ACQUISTABILI DIRETTAMENTE DAL SITO OmPhi Labs ED IN LIBRERIA


Nessun commento: