IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

sabato 4 giugno 2016

LA QUINTA FORZA (?)


SEGNALATO DA MARCO VECCHI (OmPhi Labs)

Un nuovo tipo di interazione oltre quelle gravitazionale, elettromagnetica, nucleare forte e debole sarebbe stata scoperta dai ricercatori dell'Istituto di fisica nucleare di Debrecen.  Naturalmente al Cern, sono scettici (visto che nonostante le potenzialità a loro disposizione questa cosa è “sfuggita”) e si trincerano dietro un laconico: "Esperimento da verificare".

Ma veniamo alla notizia:

da:

“ROMA. Che la forza, la quinta, sia con noi: ne avremo bisogno per riordinare la nostra idea di Universo se fosse confermata la scoperta annunciata da un piccolo laboratorio dell'Istituto di fisica nucleare dell'Accademia delle scienze ungherese. Finora il quadro sembrava completo: quark, elettroni,tauoni, muoni, e i relativi neutrini. A completarlo le quattro forze fondamentali che governano le interazioni tra questi minuscoli frammenti di materia: la forza gravitazionale, la forza elettromagnetica, la forza nucleare forte e la forza nucleare debole. E' il cosiddetto modello standard. Che ora Attila Krasznahorkay e suoi colleghi ricercatori di Debrecen rischiano di mandare in pezzi avanzando l'ipotesi dell'esistenza di una quinta forza fondamentale. Il team ungherese ha pubblicato nel dicembre scorso sul sito arXiv.org e poi a gennaio su Physical Review Letters il risultato di un esperimento condotto con un semplice spettrometro elettrone-positrone: osservando il decadimento del berillio 8 è stato osservato un fenomeno anomalo, spiegabile, secondo Krasznahorkay, con l'introduzione di un nuovo bosone leggero, avente una massa 34 volte quella dell'elettrone. Un bosone che sarebbe appunto il "portatore" di una nuova forza fondamentale finora sconosciuta. L'annuncio è stato inizialmente accolto con scetticismo dalla comunità scientifica internazionale. Finché a fine aprile un gruppo di fisici statunitensi guidati da Jonathan Feng ha rielaborato i dati ungheresi arrivando alla conclusione che non sono in conflitto con nessun esperimento precedente e che effettivamente potrebbe essere la prova di una quinta forza. La teoria ungherese è così uscita dal cono d'ombra in cui era precipitata e ora decine di fisici teorici cominciano a interrogarsi su come sia possibile confermarne o escluderne definitivamente l'esistenza. In realtà il Modello Standard spiega molto dell'Universo conosciuto, ma non tutto. Non spiega per esempio la materia oscura, a noi invisibile (se non per gli effetti gravitazionali) eppure maggioritaria nel cosmo, rappresentandone ben l'80%. Si è allora immaginato che esista un mondo parallelo, analogo al nostro ma "oscuro". Un mondo fatto di materia oscura, ma anche di fotoni oscuri, portatore dell'equivalente oscuro del nostro campo elettromagnetico. L'obiettivo dell'esperimento ungherese era proprio trovare tracce del fotone oscuro, anche se secondo Jonathan Feng hanno finito per trovare altro. L'esperimento è consistito nel bombardare con dei protoni un bersaglio di litio, la collisione ha prodotto un isotopo instabile del berillio. Nel decadimento di tale isotopo si sono generate coppie di elettroni e positroni (elettroni di carica positiva). Le traiettorie di queste coppie elettrone-positrone non sono state però quelle che ci si aspettava. Secondo Krasznahorkay e colleghi è la prova che parte dell'energia contenuta nel nucleo del berillio si è trasformata in una nuova particella dalla massa di 17 megaelettronvolt, che poi a sua volta, dopo un tempo brevissimo, si è trasformata in una coppia elettrone-positrone.


"Siamo sicuri dei nostri risultati" ha confermato a Nature Krasznahorkay. "Abbiamo ripetuto più volte l'esperimento per eliminare tutte le possibili cause d'errore: abbiamo ridotto una simile eventualità a una possibilità su 200 miliardi". Ora è aperta la caccia alla particella misteriosa. Secondo Feng e i suoi colleghi dell'Università della California a Irvine non si tratta di un "dark photon". Potrebbe invece trattarsi di un "bosone X protofobico", una particella portatrice una forza a raggio estremamente corto che agisce su distanze poco più grandi delle dimensioni del nucleo atomico. Questo nuovo bosone inoltre interagirebbe con elettroni e neutroni (anziché con elettroni e protoni come fanno i fotoni). "Se devo scommettere, punto sul fatto che il risultato non reggerà le verifiche. Tuttavia il risultato ungherese merita di essere controllato" dice Gian Giudice, direttore del Dipartimento di fisica teorica del Cern di Ginevra. "Ci sono due aspetti da considerare: la veridicità dell'interpretazione sperimentale e la plausibilità teorica della nuova ipotesi". Paradossalmente il test condotto in laboratorio da Attila Krasznahorkay è molto più difficile da controllare delle collisioni che avvengono tra particelle elementari nei 27 chilometri di tunnel del Cern. "Il nucleo atomico è un sistema complesso, la cui descrizione teorica è soggetta a incertezze non del tutto sotto controllo" spiega Giudice. "C'è spazio per effetti di cui i colleghi ungheresi potrebbero non aver tenuto conto. Apprezzo però la strategia di cercare nuovi fenomeni anche in territori già molto esplorati, come i decadimenti nucleari. L'inaspettato potrebbe trovarsi proprio sotto il naso, senza che nessuno se ne sia mai accorto". Certo, sarebbe clamoroso se una nuova forza fondamentale fosse stata scoperta in un piccolo laboratorio grazie a uno spettrometro. E in tal caso, incontrerebbe la resistenza dell'establishment scientifico a difesa del Modello Standard? "Assolutamente no" risponde Giudice. "Noi lavoriamo proprio per scoprire i punti deboli di teorie come il Modello Standard: sappiamo che non è perfetto ed è del tutto giustificato cercarne le falle. La chiave per scardinare il Modello Standard potrebbe trovarsi nei posti più imprevisti".

da:




SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs






                             http://marcolarosa.blogspot.it/p/come-fare-per.html 

Nessun commento: