IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

giovedì 21 giugno 2012

AUSTRALIA : SCOPERTI GRAFFITI ABORIGENI DI 28000 ANNI FA !



L’archeologo Bryce Barker dell’università del Southern Queensland, insieme ad un gruppo di colleghi della Monash University di Melbourne, ha comunicato di aver trovato il più antico murales di arte rupestre in Australia e uno dei più antichi del mondo. Un’opera aborigena che potrebbe essere stata creata più di 28.000 anni fa in un sito remoto nell’Arnhem Land,  a nordest dell’Australia. I Graffiti in questione, sono tracciati con il carbone sul soffitto di un riparo in roccia (vedi foto), denominato Narwal Gabarnmang, presso il fiume Katherine.  La datazione ufficiale di uno dei tantissimi tratti di pittura rupestre scoperti in questa roccia sarà pubblicata e confermata soltanto nella prossima edizione del Journal of Archaeological Science, ma già nel mondo scientifico si parla di una nuova Cappella Sistina dell’arte rupestre preistorica.
Fino ad oggi, la più antica opera d’arte rupestre su parete rocciosa nota agli addetti al settore, è in Spagna, sui muri della grotta di El Castillo, graffiti preistorici di almeno 40.800 anni fa, secondo la datazione calcolata dagli scienziati, che hanno usato in questo caso la tecnica di datazione radiometrica o all’uranio-torio.  La scoperta di un gruppo di pitture primitive così antiche in Australia invece, può avere dei risvolti sorprendenti, mettendo in dubbio tante conoscenze già acquisite sull’inizio della presenza e dello sviluppo territoriale degli aborigeni nel vastissimo continente Australe. 

Rod McGuirk The Associated Press


Nessun commento: