IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

mercoledì 9 luglio 2014

NUOVE FRONTIERE DELLA SCIENZA: L'UOMO BIONICO E L'AUTO AD ARIA COMPRESSA


Un chip nel cervello, un ragazzo paralizzato muove la mano

Sperimentata per la prima volta grazie a un team della Ohio University una tecnica in grado di bypassare il midollo spinale e comandare il movimento con il pensiero.

Segnalati dal Dr. Giuseppe Cotellessa (ENEA)

Un meccanismo articolato permette di muovere le mani col pensiero, bypassando il midollo spinale. È la tecnologia Neurobridge, della quale si parla da tempo che è dedicata a coloro che hanno subito lesioni midollari alte o ictus e che sono dunque impossibilitati nel movimento. Ora è stata testata per la prima volta da un ragazzo tetraplegico e si sono registrati i primi piccoli grandi successi.

Come funziona:

Si tratta di un chip con 96 elettrodi e grande 0,4 cm che viene inserito nel cervello: gli elettrodi leggono i comandi di movimento impressi dalla sezione del cervello specifica e li trasmettono via cavo a un supporto nel cranio, collegato a sua volta a un computer. Il primo paziente in assoluto a sperimentala è Ian Burkhart, un ragazzo ventitreenne tetraplegico. Un chip dunque è stato impiantato nel cervello del giovane paralizzato da un team della Ohio State University e Ian è entrato ufficialmente nell’era che i medici definiscono bionica, regalando speranze a molte persone, sia mielolese che colpite da ictus. I suoi pensieri vengono tradotti in impulsi e nonostante la lesione midollare i comandi cerebrali possono comunque giungere alle mani. Come ha spiegato Chad Bouton, ricercatore della Ohio University, il concetto che sta alla base di Neurobridge non è poi così diverso da quello del bypass aorto-coronarico. Dopo l’intervento per impiantare il chip nel cervello, gli scienziati di Battelle, l’ente di ricerca no-profit ideatore di Neurobridge, sono entrati nel cervello del ragazzo e l’hanno collegato, mentre Ian osservava i movimenti di una mano digitale, pensava di replicarli e il computer leggeva nella mente del giovane. I primi movimenti reali sono avvenuti al Wexner Medical Center di Columbus, in un clima di emozione generale.

L’esperimento:

Il ragazzo nell’esperimento ha dimostrato di poter aprire la mano e di stringerla poi in un pugno, afferrando un cucchiaio. Un piccolo gesto, ma enormemente significativo per una persona che non è più in grado di pilotare i movimenti degli arti: “«a cosa che mi manca maggiormente – ha spiegato Ian – è l’autonomia: è molto frustrante dipendere dagli altri anche per i gesti e le necessità più semplici». La fantascienza diventa realtà, scrive ilWashington Post, mentre il giovane Ian ha iniziato rivivere piccoli spazi di autonomia che per lui sono un regalo prezioso. Da quando nel 2010, in seguito a un’immersione, si è rotto la spina dorsale è rimasto completamente paralizzato. Aveva deciso di festeggiare la fine del primo anno all’università dell’Ohio con una giornata di mare e fu proprio lo schianto contro un banco di sabbia nascosto dalle onde ad aver causato la lesione. Le speranze per il momento sono tiepide e la cautela doverosa, ma l’era bionica è comunque iniziata.

http://www.corriere.it/methode_image/2014/06/25/Salute/Foto%20Salute%20-%20Trattate/neurobridge-kNg-U43020747508285VKD-180x140@Corriere-Web-Sezioni.JPG?v=201406251727

______________________________________________________________________________

AirPod la prima autovettura alimentata ad aria compressa, esempio di mobilità sostenibile, parte dal centro del Mediterraneo.
Mentre Tata Motors è in fase di predisposizione dei suoi modelli su tecnologia MDI per il mercato indiano, la Sardegna si è candidata per la prima produzione europea del veicolo, prevista per il tardo autunno del 2014.
L’autovettura ideata dall’ingegnere francese Guy Nègre (MDI, Motor Development International) sarà prodotta e distribuita a Bolota-na (NU) da Airmobility, una società di imprenditori sardi che ha scommesso su questa innovativa tecnologia. La scelta di questa tecnologia consentirà un’alternativa realmente sostenibile al trasporto urbano a combustibile convenzionale verso una nuova era ecocompatibile e rispettosa dell’ambiente.
Nel 2014 AirPod segna la versione 2.0 e passa da prototipo a veicolo di serie commerciabile nella comunità europea. Le novità salienti riguardano il suo design esterno ancora più moderno e accattivante, una dotazione di interni paragonabile a un’auto di fascia medio-alta e la nuova soluzione two-seater (due posti a sedere) per venire incontro alla normativa europea (n° 168/2013 in materia di omologazione di veicoli a motore) che vieta dal primo gennaio 2016 vetture con posti a sedere contrari al senso di marcia.
Il nuovo modello sarà prodotto in due versioni: motore 7 KW (guida con patente B) 80 km/h con autonomia di circa 120 km (circuito urbano); motore 4 KW (guida con patente A, motocicli) 45km/h e stessa autonomia, entrambi dotate di un bagagliaio da 500 litri con incluso uno scomparto refrigerato da trenta litri. Si guida tramite joystick o in opzione può essere richiesto il volante.
Nel luglio 2012 la città di Cagliari è stata la prima in Italia ad accogliere la prova dimostrativa dell’AirPod. Nel settembre 2013 in occasione della settimana della mobilità sostenibile Airmobility ha annunciato il progetto di costruire un impianto di produzione a Bolotana (NU), una delle zone più depresse della Sardegna, dove lo sviluppo industriale degli anni ‘80 ha lasciato delle ferite profonde. Unendo il concept industriale MDI (che prevede una produzione meno massiva) con una microfabbrica totalmente autosufficente dal punto di vista energetico, AirMobility intende perseguire coerentemente una reale idea di mobilità sostenibile, dalla costruzione del veicolo sino alla commercializzazione e alla messa su strada.
Airpod entrerà sul mercato con un modello base dal costo di € 7.500 e sarà destinata al trasporto passeggeri. La vettura ecologica avrà costi di alimentazione e manutenzione contenuti: un pieno da 4 euro permette di percorrere 100 km alla velocità massima di 80 km/h. Il rifornimento di ariacompressa può avvenire tramite stazioni abilitate (2,5 minuti per un pieno) o presa di corrente domestica da almeno 10kw (3,5 ore per un pieno).
La vettura pesa complessivamente 280 kg ed è realizzata in materiale composito di fibra di vetro e resina poliestere. La combinazione oltre ad avere un basso impatto ambientale, in caso di incidente ha una capacità di assorbimento dell’urto da due a quattro volte superiore alla carrozzeria di un veicolo tradizionale. MDI è costantemente alla ricerca di soluzioni alternative e a basso impatto ambientale, attualmente sono in corso test su materiali quali sisal e lino, come alternativa alla fibra di vetro.




SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA STORIA EVOLUTIVA DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA
DI MARCO LA ROSA
E' UN'EDIZIONE OMPHILABS
ACQUISTABILE DIRETTAMENTE DAL SITO OMPHILABS ED IN LIBRERIA

http://www.omphilabs.it/prod/L-UOMO-KOSMICO.htm

Nessun commento: