IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

lunedì 10 agosto 2015

HIV: MISTERI E NOVITA' DEL VIRUS PIU' DISCUSSO DELLA STORIA


SEGNALATO DAL DR. GIUSEPPE COTELLESSA (ENEA)

Il virus Hiv regredisce dopo 12 anni senza terapia: è una 18enne francese

La storia di una ragazza francese di 18 anni nata sieropositiva. L’annuncio dell’Istituto Pasteur: «Primo caso al mondo di regressione così prolungata». Gli altri episodi «deludenti». L’esperto italiano: «Non si può parlare di guarigione»

di Cristina Marrone


È nata sieropositiva nel 1996 ma oggi, a 18 anni di età e a 12 anni dalla sospensione dei trattamenti anti-retrovirali non presenta più il virus dell’Aids. È la prima volta che si registra una regressione del virus dell’Hiv in un tempo così prolungato, a 12 anni dall’interruzione delle cure. L’annuncio di questo caso, definito come «unico al mondo» dai medici dell’Institute Pasteur di Parigi, è stato fatto lunedì a Vancouver . «Se da un lato vuole proteggere la sua privacy, la ragazza ha capito benissimo che vive una situazione eccezionale sul piano medico», spiega Pierre Frange, pediatra e ricercatore all’ospedale Necker di Parigi, nonché autore dello studio presentato alla conferenza dell’International Aids Society .

L’annuncio:

«Non sappiamo ancora il motivo per cui questa ragazza è in grado di controllare l’infezione» spiegano gli esperti. «Lo stop alle cure non è comunque raccomandato negli adulti e nei bambini al di fuori di studi clinici» aggiunge Asier Saez-Cirion, dell’Istituto Pasteur di Parigi. «L’osservazione della remissione della malattia in un bambino nato sieropositivo sta aprendo nuove prospettive per la ricerca», sottolinea sul sito dell’Istituto Pasteur Jean-François Delfraissy, direttore del National Agency for Aids Research (Anrs) francese. «Questo risultato non deve tuttavia essere considerato come una guarigione, è impossibile prevedere l’evoluzione della sua condizione. Il caso della ragazza è comunque un ulteriore argomento a favore del trattamento antiretrovirale il più presto possibile per tutti i bambini nati da madri sieropositive».

L’esperto: «Non è un caso isolato, i pazienti non sono guariti»

«Non è un caso eccezionale, questa ragazza fa parte di un gruppo speciale, gli “elite controller”, di pazienti con Hiv in cui però l’infezione non riesce a riprendere il suo corso quando viene interrotta la terapia antiretrovirale. Parliamo di decine di casi sparsi in diversi Paesi, circa 25 in Francia» chiarisce Stefano Vella, direttore del Dipartimento del farmaco dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e uno dei maggiori esperti di Aids in Italia che precisa: «Questi pazienti non sono guariti - precisa Vella - ma il loro organismo, per motivi ancora non chiari, è in grado di controllare l’infezione anche senza un trattamento in corso. Le ipotesi sono che abbiano un virus “fiacco”, non particolarmente virulento, o che ci sia stata una particolare evoluzione del sistema immunitario, che è riuscito a difendersi impedendo la replicazione dell’Hiv».

La storia clinica della ragazza:

I medici dell’Istituto Pasteur di Parigi hanno seguito la storia clinica della ragazza sieropositiva dalla nascita nel 1996. Si era infettata nel pancione della mamma, che aveva una carica virale non controllata. La piccola ha ricevuto per sei mesi un trattamento con l’Azt, il primo farmaco a essere introdotto per il trattamento dell’Aids, e poi una combinazione di quattro antiretrovirali. Questa terapia è durata fino all’età di 6 anni quando la famiglia ha deciso di interrompere l’assunzione dei farmaci. Dopo un anno, la carica virale della bambina era quasi non rilevabile, perciò i medici hanno deciso di non proseguire più alcuna cura. Dodici anni più tardi la notizia della remissione.

I due precedenti che hanno deluso:

Ma casi precedenti suggeriscono cautela perché è ancora forte la delusione della storia di quella bambina nata con l’Hiv in Mississippi che gli scienziati pensavano di aver guarito con un trattamento precoce, e che per due anni e mezzo non aveva avuto bisogno di terapie. L’anno scorso, un anno dopo il trionfale annuncio i medici avevano dovuto ammettere la triste sconfitta perché il virus si era ripresentato e la notizia aveva rappresentato una rilevante battuta d’arresto per impedire l’infezione permanente. I medici si erano mostrati sorpresi e avevano spiegato di non sapere perché il virus fosse riemerso. E anche Milano ha il suo «Mississippi baby»: un bambino in cura all’ospedale Sacco di Milano, nato nel 2009 da una donna positiva al virus Hiv e anche lui infetto fin dalla nascita. Immediata la terapia d’urto, che ha abbattuto la carica virale fino ad azzerarla. Per tre anni nessuna traccia di Hiv, ma dopo lo stop delle cure il virus è tornato. Certo, il caso della ragazza francese fa ben sperare perché la remissione del virus si è rilevata decisamente più lunga, il virus più che scomparso non ha ripreso a replicarsi. E allora la sfida sarà scoprire che cosa ha di diverso e particolare l’organismo di questa diciottenne francese.

La centralità della terapia precoce: parla l’infettivologo del Bambin Gesù:

«Il concetto alla base della remissione del virus è lo stesso: la centralità della terapia precoce, che determina una serie di fattori virologici e immunologici che favoriscono il controllo del virus» spiega Paolo Rossi, direttore del Dipartimento Pediatrico Universitario Ospedaliero del Bambino Gesù di Roma. Rossi è anche coordinatore del consorzio EPIICAL, che riunisce i più grandi centri che si occupano di HIV pediatrico al mondo: «C’è da dire che i fattori che sono responsabili di questo controllo - spiega l’esperto - non sono ancora completamente conosciuti. Possiamo immaginare che quando nascono dei bambini infetti e vengono trattati precocemente, si realizza uno spettro variabile di situazioni. Nella maggior parte dei casi, i bambini trattati precocemente all’interruzione della terapia avranno una ripresa più o meno veloce della replicazione virale. In altri casi, come quelli del Mississipi baby e della ragazza francese, si risconterà un periodo più lungo di remissione se non una vera e propria cura funzionale nonostante la sospensione della terapia antiretrovirale». Questi pazienti, conclude l’infettivologo, «rappresentano infatti il modello ideale per generare dati virologici e immunologici che possano favorire interventi terapeutici basati su vaccini o farmaci in grado di indurre tali condizioni biologiche eccezionali in tutti i pazienti che iniziano la terapia precoce, al fine di sospenderla e mantenere una remissione clinica e virologica». L’obiettivo del consorzio EPIICAL è rendere replicabili i casi eccezionali come «Mississippi baby», la ragazza francese o il bimbo di Milano e sospendere in modo controllato la terapia per un periodo più lungo possibile per evitare sia gli effetti collaterali, che inevitabilmente questi farmaci provocano, sia i fallimenti terapeutici, ai quali si va incontro dopo che è molto tempo che si assume lo stesso mix di farmaci o se si saltano cicli in modo ingiustificato.



SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs




ACQUISTABILI DIRETTAMENTE DAL SITO OmPhi Labs ED IN LIBRERIA



3 commenti:

Janety Chilufya ha detto...

Dopo stati di dolore e dispiacere per due anni e 11 mesi, il dottor Molemen è stato in grado di ripristinare la mia vita con la sua medicina di erbe, i miei buoni amici sono stato Hiv positivi per due anni e tutti i giorni della mia vita io grido a Dio come mi era una madre di 2 graziosi bambini che stavano cercando da me, mi stava prendendo il mio farmaco dall'ospedale, ho fatto anche alcune preghiere a Dio che doveva fare qualche miracolo nella mia vita, i miei amici questa è una storia di vita che tocca sto condividendo con tutti voi in rete oggi, pochi mesi fa, stavo dando un'occhiata in rete, quando ho trovato alcuni buoni testimonianze su Dr Molemen Erbe, e qualcuno raccomandato che ha curato Hiv dal Dott Molemen, ho sempre avuto fede che Dio potrebbe usare qualcuno a guarire me, ho contattato Dr Molemen e gli ho detto riguardo al mio problema mi ha detto di non preoccuparmi che con Dio tutto è possibile e anche che stava andando a prepararsi per me alcune erbe erbe che devo prendere e lui sta per inviare la medicina per me , bene dopo tutte le indicazioni e farmaci da Dr Molemen egli consigli che vado per il controllo di nuovo per vedere il mio risultato di stato e lui mi ha assicurato di buon risultato, avevo paura a questo punto perché non ho mai voluto che qualcuno mi dica ancora una volta che io sono positivo, dopo due giorni sono andato all'ospedale per check-up e mi hanno detto il risultato è stato quello di venire fuori da Venerdì, alle 11:00 il Venerdì ospedale dottore mi ha chiamato e mi ha detto che il risultato era fuori e io sono negativi, ero scioccato e non ci potevo credere, ho subito chiamato il dottor Molemen e gli raccontai la buona notizia mi ha detto di gioire e assicurarsi che condivido la mia testimonianza con i miei amici e questo è il motivo per cui sto facendo questo proprio ora, amici potete contattare il Dott Molemen oggi su (drmolemenspiritualtemple@gmail.com o (dr.molemenspiritualtemple@yahoo.com) o lo invitare +2347036013351, amici dottor Molemen può aiutare a risolvere qualsiasi problema in contatto con lui ora.

Marco La Rosa ha detto...

Grazie per la testimonianza.

MLR

matt ha detto...

Ciao Sono Sonia Stevens per nome, mi sto dando una testimonianza su Dr. Ben il grande Erboristeria, ha la cura per tutti i tipi di malattie, ha guarito la mia malattia da HIV, anche se sono andato attraverso il sito web diverso Ho visto diverse testimonianze circa diversi erboristi, ero come: "Molte persone hanno la cura di HIV perché sono persone ancora soffrono da esso" ho pensato di esso, allora devo contattare il Dr. Ben via e-mail, io non gli ho creduto più di tanto, volevo solo dargli una prova, ha risposto la mia posta e aveva bisogno di un po 'di informazioni su di me, poi li ho mandati a lui, ha preparato la cura e inviato a me tramite corriere UPS, mi hanno detto che ci vorranno 3-4 giorni prima che io 'll ottenere il pacchetto, 3 giorni dopo ho ricevuto il pacco e ho iniziato a prendere il farmaco come prescritto da lui, dopo 7 giorni di assunzione del farmaco sono andato per il check-up, mi è stato testato HIV negativi ... vado PER ASSISTERE QUALCUNO CHE LO contatto per aiutare, se si è sul serio sarai guarito !!! Egli può anche curare tutti i tipi di malattie come hypertities B, Diabities, Herpes.etc. contattarlo tramite: drbenharbalhome@gmail.com o WhatsApp |+2348144631509. È anche possibile raggiungere me e-mail: soniastevens1995@gmail.com