IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

mercoledì 12 settembre 2012

IL SALE "BUONO"




Sapevi che il Sale Rosa Himalayano non ha nulla a che fare con il normale sale da cucina e che ha effetti terapeutici importanti per la nostra salute?
Per la vita umana la presenza di sale e acqua è fondamentale. In effetti, da un punto di vista biochimico, il corpo umano è costituito per il 70% di acqua e di elementi minerali in essa disciolti. Sono circa 92 gli elementi naturali conosciuti e ognuno di esso è rilevabile nel sale cristallino naturale inalterato, proveniente non dal mare (come il comune sale da cucina) ma dalle miniere formatesi milioni di anni fa a seguito dell'evaporazione di ampi specchi di mare imprigionati dall'ascesa delle catene montuose. 
La struttura del sale cristallino
Le molecole di sale cristallino possiedono una struttura reticolare di natura cubica. Nei legami tra gli atomi, disposti ai vertici e lungo i lati del cubo, sono immagazzinati unità indivisibili (i quanti) di natura luminosa denominate fotoni. Pertanto, intrappolata nel reticolo cristallino, possiamo ritrovare l’energia luminosa del sole risalente a più di 250 milioni di anni fa.
La combinazione di acqua e sale vince le forze che vincolano il reticolo alla sua struttura cristallina rigida, liberando l'energia in esso contenuta per conferire una carica (ionizzare) gli elementi presenti nel sale. Questo porta ad avere una quantità di energia in forma libera da utilizzare per creare le combinazioni che sono alla base delle molecole complesse nei viventi quali le proteine. La capacità di trasformazione del sale è di fondamentale importanza per il metabolismo cellulare nell'organismo umano, alla base del quale vi è il processo di osmosi, ossia il trasferimento dei liquidi da una cellula ad un'altra. Tale processo è regolato dalla concentrazione salina nelle cellule poichè il liquido si sposta dalla cellula avente una minore concentrazione salina verso quella con una maggiore concentrazione. Le pareti delle cellule sono permeabili all’acqua mentre tendono a riequilibrare costantemente la concentrazione degli elementi ionizzati in essa disciolti (soprattutto lo ione sodio e quello potassio) grazie all'apertura o chiusura di specifici “canali”.
Senza l o ione sodio e quello potassio non potremmo nè pensare nè agire. In condizioni di normalità, gli ioni potassio escono dalle cellule mentre gli ioni sodio (entrambi a carica positiva) non vi entrano, creando sulla membrana una tensione elettrica tale per cui il lato esterno assume una carica positiva e il lato interno una carica negativa. In presenza di un opportuno stimolo, la membrana inverte repentinamente la sua polarità e diventa permeabile agli ioni sodio. È questo il principio di funzionamento della conduzione degli impulsi a livello del sistema nervoso e degli stimoli contrattili per quanto riguarda il sistema muscolare umano: solo per bere un bicchiere d’acqua sono necessari milioni di ordini, ovvero impulsi. Per prima cosa c’è il pensiero, una frequenza elettromagnetica, la cui generazione e successiva trasmissione, come comando ai muscoli e agli organi deputati a eseguirlo, dipendono dalla presenza di molti degli elementi presenti nel sale cristallino. È interessante sapere che il nostro sangue è una soluzione idrosalina ad una concentrazione dell'1%, simile a quella che costituì il cosiddetto “brodo primordiale”, all'origine della vita sulla terra (una soluzione di acqua e molecole di carbonio che avrebbe interagito con l'atmosfera terrestre primitiva per creare le prime molecole complesse alla base del DNA). Questa soluzione circola in un sistema vascolare di oltre 90.000 km di lunghezza e ha il compito di riequilibrare e regolare le funzioni corporee.
Le proprietà del sale cristallino dell'himalaya
Il sale marino, noto anche come sale da cucina, normalmente consumato, ha perso le sue qualità in seguito all’inquinamento dei mari e al progressivo processo di industrializzazione che lo ha ripulito di minerali e oligoelementi essenziali riducendolo a cloruro di sodio . Nel nostro organismo, il cloruro di sodio viene circondato da molecole d’acqua che lo neutralizzano, ionizzandolo in sodio e cloro e sovraffaticando dunque gli organi escretori. Spesso il sale da cucina include anche specifici additivi e conservanti i quali evitano l'agglomerazione e migliorano la sua cospargibilità.
Per il corretto funzionamento del nostro organismo ci serve il sale nella sua pienezza, completo di tutti gli elementi naturali. Il sale di miniera è costituito per il 95% da salgemma, che conserva la sua integrità naturale, ed è perciò più pregevole del sale da cucina industriale. La valenza degli elementi in esso contenuti dipende dalla pressione a cui questi sono stati sottoposti nel corso delle ere geologiche, e dal conseguente legame con il reticolo cristallino. Il sale cristallino su cui è attualmente focalizzata la scienza proviene dall’Himalaya. Nel salgemma (il sale marino), i singoli elementi minerali sono legati solo parzialmente al reticolo cristallino. Un cristallo possiede invece una struttura geometrica regolare, con una disposizione spaziale ordinata degli elementi minerali aggiuntivi al cloro ed il sodio che li rende biochimicamente disponibili per le nostre cellule.
Le condizioni di pressione, protratta per milioni di anni, che determinarono la genesi dei massicci montuosi nella regione dell'Himalaya, furono così forti da portare alla formazione di reticoli cristallini perfettamente ordinati, compressi in vene in vene di colore bianco, rosato o rossiccio all'interno di vasti giacimenti sotterranei, determinando l'integrazione degli elementi minerali in una struttura reticolare perfettamente ordinata, e rendendoli facilmente assimilabili dalle cellule umane.
L’effetto terapeutico del sale
L’effetto terapeutico del sale è riconosciuto anche dalla medicina ufficiale. La speleoterapia sfrutta l’aria salubre all'interno delle grotte di sale per curare pazienti affetti da asma, malattie polmonari e affezioni dermatologiche. Siamo circondati da apparecchiature che emettono onde elettromagnetiche (televisione, computer, forni a microonde e telefoni cellulari) e disturbano l’equilibrio, nell’aria, tra le particelle con carica positiva e le particelle con carica negativa. L’effetto terapeutico del sale, oltre a rendere disponibili oligoelementi essenziali, si basa anche sullo spettro di oscillazioni dell'energia accumulato nel suo reticolo cristallino, capace di riequilibrare i deficit energetici dell'ambiente e dell’organismo.
 
Ecco un esempio di Grotta di sale (se ne trovano di diversi tipi in Europa). In Italia esistono diversi centri e hotel che offrono invece stanze ricoperte artificialmente di sale in cui si può comodamente riposare a scopo terapeutico. Alcune sono attrezzate con giochi per bambini.
In linea di principio tutti i sintomi delle patologie, e non solo di quelle a carico delle vie respiratorie, possono essere curate con le terapie a base di sale. Un’indagine eseguita su persone affette da patologie del fegato ha confermato questo dato in maniera impressionante: già dopo solo due ore e mezzo trascorse nella grotta di sale, i valori epatici dei pazienti migliorano visibilmente. Malattie conclamate e manifeste non si possono debellare in così breve tempo e poche persone possono permettersi di trascorrere ogni giorno, alcune ore, in una galleria di sale. La cura a base di soluzione idrosalina cristallina rappresenta una valida alternativa alla portata di tutti.
La natura non mente ed è n ella globalità delle sue interazioni che possiamo riconoscere il senso e lo scopo dell’esistenza. Come predissero ben 350 anni fa gli indiani del Nord America, l’uomo bianco si sarebbe trovato davanti a tavole imbandite con piatti pieni, eppure senza nulla con cui nutrirsi. Non sarebbe stato necessario combattere il viso pallido, perchè questo si sarebbe estinto da solo. Occorre dunque prendere coscienza della qualità e dell'esistenza di correlazioni naturali tra le cose, ricordando che l’energia sta alla base di tutto, che può essere alterata in ogni momento e che, opportune correzioni dell'energia possono modificare la materia e, dunque, anche lo stato di salute di un organismo complesso quale quello umano.
 Inizia oggi ad utilizzare il sale dell'himalaya in cucina, per la depurazione del tuo corpo e nella prevenzione!   
Da: Scienza e Conoscenza
 
 
  Barbara Hendel, Peter Ferreira

Acqua e Sale - Libro

Macro Edizioni

Nessun commento: