IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

martedì 8 marzo 2016

UNA GRANDE SCOPERTA…POCO SCIENTIFICA !


PREMESSA:
devo ringraziare Massimo perché non potendone più della mia insistenza, ha deciso di puntualizzare, per l’ennesima volta, il suo pensiero (ora non più solamente suo) sulle false scoperte dovute alla “cattiveria scientifica”. Quando ci siamo sentiti agli inizi di Gennaio, mi disse: “Marco lo sai con certa gente…ormai è tempo perso che stiano a crogiolarsi fino a bruciare nella frustrazione… “Nemo sapiens nisi fortis = nessuno può essere sapiente se non è forte (d’animo)”. Ma ero sicuro ormai di avergli messo il tarlo, di averlo stuzzicato nel profondo ed infatti…eccola qui la “giusta replica” dalle pagine del GdM, per il quale, anche io, sono orgoglioso di scrivere.

Marco La Rosa

Dal GdM 524 -  Marzo - Aprile 2016: 



 "LE VERITA' SVILITE E NEGATE"

di:  Massimo Corbucci (Fisico Nucleare e Medico)

“…Questa news è datata 4 Gennaio 2016 e dovrebbe far sentire i lettori del GdM molto orgogliosi di esserlo: “Un team di scienziati giapponesi del Riken Nishina Center for Accelerator Based Science ha scoperto l’ununtrio, mentre la scoperta degli altri 3 elementi si deve alla collaborazione tra il Joint Institute for Nuclear Research a Dubna, in Russia, il Lawrence Livermore National Laboratory in California e L’OAK Ridge National Laboratory di Oak Ridge, Tennessee. Gli altri 3 elementi sarebbero l’unumpentio, l’ununseptio e l’ununoctio”. Si legge, dalla stessa fonte, che sarebbero questi” “i metalli sintetici dalla vita brevissima…” (che durano milionesimi di secondo e quindi se volete la prova, ci dispiace tanto, non ve la possiamo dare !). Insomma, a distanza di ben 15 anni, da quando la stessa identica scoperta fu ritrattata e di 18 anni da quando il più potente acceleratore atomico del mondo, il GSI di Darmstadt si imbattè nell’impossibilità di sintetizzare atomi con numero atomico superiore a 112, rieccoci con la “grande scoperta” degli atomi con 113,115,117 e 118 elettroni, che ovviamente si disintegrano subito e quindi…!
Voi lettori del GdM la verità la sapete: fui convocato in Germania nel 2000, a motivo dello sconcerto che ebbero i più grandi fisici del mondo (quelli tedeschi del GSI), nel prendere atto che, “inspiegabilmente” atomi con più di 112 elettroni, non si “assemblavano”. E la spiegazione è che la struttura “naturale” è diversa dai modelli immaginati e non può contenere più di 112 elettroni. Pertanto la corsa al metallo del terzo millennio, con 114 elettroni, che secondo la teoria del NUMERO MAGICO 114 premiata con il Nobel nel 1963, sarebbe stato un metallo stabile, non più radioattivo e passibile di disintegrarsi, come tutti gli atomi di grosso numero atomico, dovette essere fermata e la “bomba atomica totale” non si poté più fare (Vivaddio, è il caso di dire !).”

APPUNTO PER ALCUNI UFOLOGI: Che dire a proposito delle famose dichiarazioni del sedicente fisico e rivelatore ufologico Bob Lazar, che avrebbe lavorato nel Nevada Test Site vicino all’ Area 51 (settore S-4), su tecnologia (presunta) aliena? A mio parere difficilmente avrebbe potuto maneggiare (almeno sulla Terra) “qualcosa” composto dall’elemento 115 (ora denominato "ununpentio"), quindi ricollegandomi anche alle dichiarazioni del compianto Edgar Mitchell: “gli ufo ci hanno salvato dalla guerra”, è più che logico non ci abbiamo lasciato (nemmeno involontariamente) “in mano” la “bomba atomica totale”, come appunto precisato da Corbucci. (ndr – MLR)

“…Sul GdM 465 del 2010 e nel libro "La fisica del caso" pubblicammo l’articolo “che fine ha fatto il metallo del terzo millenio?”. Sul GdM 522 del del Dicembre 2015, chiudemmo l’anno proprio con l’articolo: “ La Scienza che non c’è”, dove è spiegato come mai nessuno scienziato al mondo è capace di disegnare semplicemente la struttura di un atomo con più di 20 elettroni. L’elettrone 21° non si sa come collocarlo! Il numero attuale del GdM (524 Marzo-Aprile 2016), credo sia decisamente esaustivo sul perché le verità vengano negate!
Conclusione: in verità il sistema periodico conta 112 elementi e non di più, checché qualcuno insista a presentare assurde scoperte degli elementi 113,115,117,118 col beneficio di poterle ritrattare e anche col beneficio non poter dimostrare la scoperta di atomi che…si disintegrano istantaneamente e di dimenticare che col numero 114 la dimostrazione ci sarebbe e come! La Nuova Tavola periodica si ferma a 112.


Traete le dovute conclusioni, cari lettori. Chiedetevi come mai il GSI tedesco non fa parte del gruppo di laboratori che hanno fatto la grande scoperta. Non vi sembra un affronto alla serietà scientifica che vengano annunciate scoperte impossibili, come quella della particella di Dio, al CERN, però sempre con il “beneficio” o di non poterle dimostrare o di non dirla tutta? Tragico è che le persone comuni bevono tutto quel che viene loro propinato… a bocca aperta ! Voi siete differenti?

Da: Il Giornale dei Misteri n. 524 Marzo-Aprile 2016 – LE VERITA’ SVILITE E NEGATE di Massimo Corbucci (Fisico Nucleare e Medico).

Per approfondimenti:
L’UOMO KOSMICO di Marco La Rosa – Ed. OmPhi Labs 2014 – da Pagina 93 a pagina 104


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs






                             http://marcolarosa.blogspot.it/p/come-fare-per.html 



Nessun commento: