IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 3 luglio 2015

VOLTI NELLA ROCCIA E ...PAREIDOLIE


“La pareidolia (dal greco εἴδωλον èidōlon, "immagine", col prefisso παρά parà, "vicino") è l'illusione subcosciente che tende a ricondurre a forme note oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale. È la tendenza istintiva e automatica a trovare strutture ordinate e forme familiari in immagini disordinate; l'associazione si manifesta in special modo verso le figure e i volti umani. Classici esempi sono la visione di animali o volti umani nelle nuvole, la visione di un volto umano nella luna (il "sembiante della luna") oppure l'associazione di immagini alle costellazioni. Sempre alla pareidolia si può ricondurre la facilità con la quale riconosciamo volti che esprimono emozioni in segni estremamente stilizzati quali le emoticon”.

Non è comunque facile catalogare sempre come “pareidolia” ogni situazione strana associabile a questo fenomeno. E’ forse così nel caso che fra poco leggerete. In effetti sarebbe sufficiente un’accurato esame geologico sul posto (magari non sempre facile ), oppure l’utilizzo di un sofisticato software informatico in grado di analizzare l’immagine e darci quindi un buon grado di affidabilità interpretativa. Vedremo se così sarà per il supposto “volto della roccia” di Reeks Island. Intanto vi invito ad osservare bene la foto del volto principale e vi segnalo anche un'altra piccola "anomalia" (?) appena sotto che ho cerchiato di rosso... voi cosa vedete?

MLR

MISTERIOSO VOLTO GIGANTE INDIVIDUATO SULLA SCOGLIERA DI UNA REMOTA ISOLA DEL CANADA. È UN EFFETTO OTTICO OPPURE È STATO SCOLPITO DA QUALCUNO?

È stato realizzato da madre natura, oppure si tratta di un opera artificiale creata dall'uomo? Questa è la domanda che molti si fanno all'indomani della scoperta di un presunto volto gigante osservato su una remota isola canadese.

                        

Un misterioso volto gigante è stato individuato sulla scogliera di una remota isola canadese che fa parte del Pacific Rim National Park Reserve. In realtà, si tratta di una riscoperta, in quanto l’enigmatico volto era già stato osservato nel 2008 da un kayaker, mentre remava nei pressi di Reeks Island, una delle numerose isole che formano l’arcipelago del Broken Group. A ri-scoprire il misterioso volto è stato Hank Gus, della Tseshaht First Nation,  il quale aveva sentito parlare del “volto nella roccia”. Gus ha cercato la scultura per due anni poi, poche settimane fa, ha finalmente trovato il tesoro nascosto, ha preso il suo telefono cellulare e ha immortalato l’enigmatico volto scolpito sulla scogliera.

                          

«È abbastanza visibile dal mare, ed è alquanto grande», ha spiegato Gus a CTN News. Secondo alcune stime, il volto sarebbe alto circa 2,10 metri. «Si trova a circa 12 metri dal livello del mare e a circa 8 metri dalla cima della scogliera. Si trova in un luogo di difficile accesso». Quando il kayaker individuò il volto nel 2008, immediatamente mandò delle foto all’agenzia governativa Parks Canada, ma i tecnici non furono in grado di individuare la posizione precisa. La domanda che un po’ tutti si pongono è se il volto è opera di una qualche antica cultura canadese ancora sconosciuta o si tratta di una bizzarra scultura operata dalla natura ? (e per noi fenomeno ottico denominato tecnicamente: “pareidolia” – ndr). Il problema è che il luogo della curiosa formazione è difficilmente raggiungibile e quindi risulta complicato  poter condurre ulteriori indagini sul sito. Gus ha spiegato che il volto è molto simile ad una scultura in legno che si trova sulla porta dell’amministrazione di Tseshaht.



 «Gli somiglia in maniera impressionante. Il suo nome è Ugi ed è il simbolo del vento. C’è un possibile riferimento alla storia dei nostri antenati», azzarda Gus.

(NDR - Ritengo questa ipotesi interessante in quanto, se quello che ho cerchiato in rosso nella prima fotografia fosse un volto di profilo, i bassorilievi della porta sarebbero raffigurati tutti e due: volto di fronte e volto di profilo, e forse... andando sul posto si potrebbe ritrovare anche il bassorilievo che rappresenta la balena ? -  MLR).



“Tseshaht First Nation” è un amalgama di molte tribù “indio-amerinde” della Valle di “Alberni” nell’attuale territorio di Vancouver nella provincia canadese di British Columbia . La comunità principale si trova a Port Alberni, Columbia Britannica . La prima nazione Tseshaht è uno dei 14 gruppi originari che compongono la cultura “Nuu-chah-nulth” (che significa: “lungo tutte le montagne”) e la loro lingua appartiene alla famiglia “Wakashan”.  La Storia tramandata oralmente, racconta che  il primo “Tseshaht” fu creato ed inserito sul territorio di “Wake-siah” oggi denominato Monte  Benson nella British Columbia, da dove poi avrebbe sparso la prole spostandosi verso il mare e vivendo prevalentemente di pesca e caccia alle balene.



Fonti e Bibliografia:
wikipedia


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs




ACQUISTABILI DIRETTAMENTE DAL SITO OmPhi Labs ED IN LIBRERIA




Nessun commento: