IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

domenica 26 giugno 2011

CHEMIOTERAPIA = MORTE ! E' ORA DI DIRE LA VERITA' A TUTTI

Sono onorato ed orgoglioso di inserire nel blog questa lucida, coraggiosa ed illuminante "evocazione della verita". Scritta da un Medico che ha fatto della Vera Ricerca il suo baluardo di vita. RICERCA PER LA CURA DEFINITIVA, non per alleviare sintomi ed essere farmaco- dipendenti.
LEGGETE, LA VERITA' CI RENDERA' LIBERI !

Marco La Rosa

I medici sono i primi a non credere alla chemioterapia
Di: Armando Vecchietti.

Se pensate che tutti i medici siano davvero convinti dell’efficacia delle cure
che propinano ai loro malati e che nel caso siano loro ad ammalarsi di cancro
si sottopongano alle stesse cure chemioterapiche e radioterapiche che
prescrivono ai loro malati siete degli illusi.

Sidney Winawer è un oncologo direttore del Laboratorio di Ricerca per il
Cancro al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York, uno dei
centri più importanti del mondo. Per capirne l’importanza, è stato l’ospedale a
cui si è rivolto Giovannino Agnelli.

Per decenni ha praticato la chemioterapia a tutti i pazienti, molti dei quali
sono deceduti. Un brutto giorno la diagnosi è toccata a sua moglie. Tutti ci
aspetteremmo di sentire che il dottor Sidney Winawer abbia sottoposto sua
moglie alle stesse cure che per decenni ha dato, con tanta convinzione, a tutti
i malati. Ebbene no. Ben consapevole dei danni catastrofici e dell’inutilità
assoluta di quel tipo di cura, scelse altre soluzioni (come ha ammesso più
tardi nel suo libro “Dolce è la tua voce”, Positive Press, 1998).

Spero che dopo questo breve riassunto (ma basta leggere il libro per saperne
di più) molti possano riflettere sui danni e sull’inefficacia delle terapie
tradizionali.

Considerate che non è affatto un caso isolato, anche alcuni primari in Italia
curano con la chemioterapia i pazienti, ma scelgono altre soluzioni per se
stessi o per i loro familiari. Praticamente quando la malattia colpisce anche
loro (considerate che per il caso sopra raccontato era uno dei maggiori
esperti al mondo), sono i primi a NON credere alle cure che propinano.

Ad un certo punto si scoprono consapevoli dell’inutilità e della dannosità dei
prodotti delle case farmaceutiche e si affidano alle cure alternative.
Dopo aver avuto la conferma da uno dei più grandi oncologi sul fatto che la
chemioterapia NON funziona, ci credete ancora?

LA CHEMIOTERAPIA DISTRUGGE TUTTE LE DIFESE IMMUNITARIE, IN
MOLTI CASI IL TUMORE RITORNA PIU’ VIOLENTO DI PRIMA

Per dare un’idea di quanto siano tossici questi veleni possiamo prendere
spunto dalla stessa documentazione farmaceutica allegata a questi “farmaci”.
(i dati sulla tossicità sono pubblici e gli stessi operatori ospedalieri hanno
chiesto precauzioni speciali mentre li somministrano).

Inoltre per smaltire questi farmaci occorre molto tempo (mesi e mesi), molto
di più della durata di ogni ciclo, per cui quando si torna ad es. dopo un mese
a fare un altro ciclo si ha un accumulo continuo di veleni nell’organismo.

E’ vero che le cellule tumorali sono molto più sensibili a questi farmaci
rispetto alle cellule sane ma è anche vero che la chemioterapia azzera
completamente il sistema immunitario lasciando l’organismo senza nessuna
difesa. Inoltre provoca lesioni estese a organi e tessuti con conseguente
necrosi irreversibile di alcuni di essi. Non c’è da stupirsi che essi stessi siano
estremamente cancerogeni, ossia potenzialmente in grado di sviluppare
tumori anche in una persona sana.

Il fatto che dopo una cura chemioterapica molto spesso il cancro ritorna
anche più violento negli anni successivi, non è sicuramente imputabile ad una
certa “predisposizione” della persona,
La maggior parte delle persone si fida ciecamente dei medici, poiché sono
professionisti. Qualunque farmaco loro consiglino, anche se con manifesti e
accertati effetti collaterali e controindicazioni si assume senza battere ciglio,
poiché il medico ci consiglia di prenderlo.

Il medico riceve puntualmente dei promotori commerciali che gli danno
queste informazioni:
- abbiamo fatto delle ricerche su questo farmaco.
- si è dimostrato (chissà come?) che questo farmaco da noi prodotto e
brevettato “aiuta a ridurre i sintomi” di questa malattia (notate: non
“guarisce”, ma “aiuta a ridurre i sintomi”),
- ha questi effetti collaterali, ma è approvato dal Ministero della Sanità.

Il medico, quando si presenta un paziente con quei sintomi, avverte il
paziente degli effetti collaterali (non sempre tra l’altro) e consiglia il farmaco.
Dal suo punto di vista morale è a posto (il farmaco è approvato e legale), dal
punto di vista economico ci guadagna parecchio, a questo punto perchè
dovrebbe consigliarvi qualcos’altro dove non c’è guadagno o non è
sperimentato dalle case farmaceutiche che lo sponsorizzano?

Questo è verissimo ed è stato denunciato pubblicamente sui media proprio
da medici seri che, disgustati da questo sistema “commerciale”, si sono
ribellati alle case farmaceutiche.
Le sostanze naturali, invece, sono malviste dalle case farmaceutiche, poiché
non sono brevettabili e offrono un guadagno infinitesimale rispetto ai farmaci.

Di conseguenza le case farmaceutiche evitano di fare ricerche su di essi e
anzi tentano di screditarle per mezzo dei medici. Gli unici a fare ricerche sulle
sostanze naturali sono le università o più raramente le aziende produttrici di
integratori, ma i risultati di queste ricerche non sono certo pubblicizzati come
quelli dei farmaci. Il risultato (assurdo e ridicolo) è che la gente diffida dei
prodotti naturali, anche se sono approvati dal Ministero della Sanità e
totalmente innocui, come se fossero pericolosi e dannosi.

TUTTI I FARMACI IN UN CERTO MODO INTOSSICANO L’ORGANISMO,
LA FILOSOFIA DI BASE E’ QUELLA DEL MALE MINORE.

Non c’è che dire, i ricercatori farmaceutici hanno congegnato proprio bene il
meccanismo:
- sopprimono il sintomo, ma solo finché prendi il farmaco, praticamente
quindi si è costretti ad assumerlo ripetitivamente.
- si diventa quindi schiavi del farmaco, finché non insorgono altre
malattie e a quel punto si è costretti ad assumere altri farmaci, sempre
concepiti come il primo, ossia pensati per attenuare il sintomo ma che
subdolamente nel lungo periodo causano altri malesseri.

La cosa ancora più incredibile è che questi problemi potrebbero essere risolti
con rimedi naturali ed innocui, ma che i medici incredibilmente non
conoscono per ignoranza o fanno finta di non conoscere, perchè non
sponsorizzati dalle case farmaceutiche.

Questi fatti incredibili succedono ogni giorno.

Dott. Armando Vecchietti.
http://www.cellulacancerosa.it/

Nessun commento: