IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 8 novembre 2013

VIVERE NON HA SENSO

ERACLITO: "NON CI SI PUÒ BAGNARE DUE VOLTE NELLO STESSO FIUME, NON SI PUÒ TOCCARE DUE VOLTE UN ESSERE NATO"

 (TRATTO DA WWW.STYLE.IT)

 QUESTA VITA NON HA SENSO

di:  Marco Vinicio Masoni 07 marzo 2012

 Ecco un'affermazione che noi genitori non vorremmo sentire mai. Ma se un figlio adolescente dice di aver voglia di morire che si fa?

-figlio? direi ogni essere umano dotato di intelletto...(nda)-

LO PSICOLOGO RISPONDE

Possibile che a 14 anni mi dica "mamma, ma perché si deve vivere?"
Non ha idea di quante mamme spaventate mi riferiscono frasi simili dei loro figli. Qualcuno potrebbe rispondere che si tratta delle insicurezze e paure dell'età. Non è vero. Si tratta di insicurezze e paure di chi sta "vedendo" questo mondo e la sua mancanza di senso.In molti adulti queste paure sono letteralmente  ribaltate: mentre certi ragazzi dicono vorrei "andarmene", terrorizzando i loro genitori, i grandi - non tutti - mostrano un attaccamento "volgare" alla vita.

 Possibile essere attaccati alla vita in modo volgare? Un esempio:

 Da qualche decennio l'occidente vive per fare soldi. I soldi sono una bella cosa  e servono per vivere, guai però a vivere per loro. Il ribaltamento dei valori alla fine mostra il conto. Anni fa un imprenditore, durante un  passaggio offertomi sulla sua costosissima macchina, mi disse: caro dottore, ma lo sa che da quando ho un sacco di soldi ho attacchi di panico e una paura fottuta di morire? Certo, se si divinizzano i soldi si sceglie un "dio" che non ci garantisce alcun aldilà e, anzi, muore con noi.

 Quella frase terribile di quei ragazzi allora andrebbe tradotta e restituita loro con il giusto senso:hai ragione, sembra proprio che questo modo non abbia senso, ma tu lo stai dicendo, già alla tua età. Vuol dire che ti è già chiaro che questo mondo deve cambiare, ed è proprio questo il modo per rendere senso alla tua vita.
Stai dicendo  - certo, in modo semplice - che stai mettendo a fuoco un compito. Stai "pensando", e io sono fiera (o fiero) di avere un figlio così.

Lo sai che tutti i grandi pensatori hanno sempre detto "Bisogna morire a questo mondo" per rinascere facendone nascere un altro. Sei un privilegiato (o una privilegiata): ti sembra di comunicare stanchezza e invece stai preparandoti a una vita finalmente piena di senso.

Ma so che è difficile dire in modo efficace queste cose, quelle mamme non abbiano paura a chiedere aiuto a degli esperti, senza mai dimenticare, però, che hanno una figlia o un figlio speciali."

M.Z.

5 commenti:

Alessandra Gatti ha detto...

Bella risposta, e senza appoggiarsi a qualche religione.
Certo, molti adulti avrebbero bisogno di ripensare ad un scopo della vita più nobile del successo materiale. In questo modo, sarebbero anche d'esempio ai figli e allevierebbero il "male di vivere" comune.
Uuh, come sono saggia!

Marco La Rosa ha detto...

il punto è che questo mondo, così com'è, è fondato sul falso, sia dentro alla persona ( "cuore" )che fuori come atteggiamento e parole.
una doppia falsità è come un doppio salto "mortale"
m.z

Marco La Rosa ha detto...

DA DOTT. COTELLESSA (ENEA)

Normalmente i giovani in Italia non hanno coscienza e percezione, ovvero non credono che sia possibile affermarsi valorizzando le proprie capacità, che madre natura ha distribuito in modo democratico in tutto il mondo.

L’esperienza personale che sto affrontando, nel caso riuscissi a primeggiare a livello internazionale, potrebbe costituire un esempio per tutti in Italia.

Fino ad ora i mass media ufficiali italiani da dicembre del 2012 hanno snobbato i miei tentativi di diffondere l’informazione presso il pubblico.

Ho inviato centinaia di e-mail a tutti i quotidiani italiani, dall’osservatore romano, avvenire, famiglia cristiana, Sole 24 ore, tempo, messaggero, unità, il centro, ecc.

Sono stato democratico nella scelta degli editori della stampa con i tutti gli orientamenti politici possibili.

Risposta unanime: silenzio assordante.

Comunque questi tentativi sono importanti perché documentano e provano qual è l’atteggiamento dei mass media ufficiali in Italia.

Di fronte alla novità, anche se importante, temporeggiano, fanno finta di niente, aspettano, non vogliono compromettersi.

Fanno queste valutazioni.

Se il contenuto non è valido rischiamo, se il proponente non è convinto smetterà, tanto è ormai assodato che in Italia non può nascere niente di nuovo che risulterà poi veramente importante.

I mass media ragionano per schemi mentali.

Non si pongono il problema e il fastidio di informarsi su ciò che un individuo propone di nuovo in Italia.

E’ scontato! Che novità possono nascere in Italia? Questa mentalità è diventata un luogo comune.

Ho comunicato alla Ferrari che l’applicazione del procedimento del brevetto potrebbe portarli a vincere.

Risposta come la stampa. Silenzio assordante.

Anche perdendo in continuazione gran premi di Formula 1, comunque sono convinti di essere sempre i migliori al mondo.

La Zeiss, società tedesca, che è una delle prime al mondo è stata l’unica che, senza dare niente per scontato, è venuta a chiedermi informazioni a proposito del procedimento del brevetto. Il loro rappresentante ha dichiarato che avrebbe mantenuto il segreto di quanto rivelavo loro. Hanno effettuato le verifiche sperimentali ed hanno avuto riscontro positivo di quanto loro dichiarato. Questi risultati positivi hanno creato in loro entusiasmo e fervore per l'importante novità

E’ venuto da me per informarsi del procedimento del brevetto un altro rappresentante di una società multinazionale, la National Instrument Italia.

Anche lui era interessato a conoscere in procedimento del brevetto. Quando gli ho chiesto di rilasciarmi una dichiarazione scritta per mantenere il segreto di quanto rivelato, mi ha risposto che non poteva firmare perché non era il proprietario della National Instrument.

Allo stesso tempo però mi chiedeva di vedere i grafici ricavati dai dati sperimentali.

Giuseppe Cotellessa

SEGUE SECONDA PARTE

Marco La Rosa ha detto...

DA DOTT. COTELLESSA

SECONDA PARTE

Quando ho descritto le applicazioni del procedimento del brevetto mi ha risposto che era molto innovativo anche per lui, interessante ed importante.

Mi ha promesso che personalmente, senza compromettersi come rappresentante della National Instruments Italia mi avrebbe inviato due righe per e-mail per manifestare il suo apprezzamento per quanto gli era stato rivelato. Il rappresentante è venuto il 6 novembre ed ad oggi 14-11-2013 non ha inviato nulla, nonostante due miei solleciti espliciti scritti per ricordargli la promessa fatta.

Questo persona, rappresentante di una importantissima società americana (National Instrument, appunto) mi ha dimostrato personalmente e professionalmente di essere un individuo che rilascia vane promesse da marinaio.

Non voglio giudicare né lodare nessuno. Riferisco semplicemente quanto personalmente mi è capitato, sperando che possa risollevare il morale di quanti non solo in Italia ma nel mondo intero sono sfiduciati e rinunciatari a tal punto da ritenere che vivere non abbia senso.

Tutti incontrano difficoltà nella propria vita ma ritengo che in qualsiasi situazione se si ha ragione alla fine si otterrà quello che si desidera, anche se si vive in Italia.

E’fin dall' Agosto 2007 che ho avuto l’idea ispiratrice del procedimento del brevetto. Quante difficoltà! per tanto tempo mi sono impegnato per riuscire a portare alla luce questo risultato!

Se arriverà un giorno il riconoscimento internazionale i mass media (forse) ragioneranno che allora sarà il caso di dedicare due righe al risultato ottenuto, perché in questo caso non rischieranno nulla.

Attualmente non fanno nessu sforzo, non faticano per verificare se quanto affermo sia vero o no.

Perché fare tanta fatica per capire? M quando tutto è pronto e non si rischia niente, si ricavano solo benefici.

La ricerca innovativa, quando non si conosce l’esito ed il risultato finale è un' incognita, è un rischio. Bisogna dedicare energia, tempo, risorse economiche. E il rischio del fallimento è sempre dietro l'angolo.

E’ facile scrivere un articolo quando tutto è scontato.

Ma quando scrivere un articolo richiede l’impegno di fare la verifica, anche in un campo sconosciuto, per garantire quanto si scrive, chi si prende questo impegno?

Un motivo valido per dare un senso alla vita, anche quando non si è credente, è aiutare il prossimo ed essere di aiuto per gli altri, ognuno a seconda le proprie capacità.

Certamente questo atteggiamento comporterà uno sforzo, una fatica ma sono pienamente convinto che questa è la strada maestra, soprattutto per chi pensa che vivere non ha senso.



Giuseppe Cotellessa (INMRI - ENEA)

Alessandra Gatti ha detto...

Non avevo ancora letto questi due commenti. E' triste che, anche quando una persona fa qualcosa di realmente significativo, dando un senso alla propria vita e non solo a quella, dipenda ancora dal riscontro degli altri. Speriamo che tu non rimanga un genio incompreso, doc.