IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 21 giugno 2013

UMANITA' ANTICA E MISTERI GENETICI


IL DNA : "acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni genetiche necessarie alla biosintesi di RNA e proteine, molecole indispensabili per lo sviluppo ed il corretto funzionamento della maggior parte degli organismi viventi."

SEMPLIFICANDO AL MASSIMO, VIENE ANCORA PRIMA DEL NOSTRO NOME E COGNOME, DEL NOSTRO CODICE FISCALE, CI IDENTIFICA IN MODO "INEQUIVOCABILE".
E' IL "CODICE SEGRETO" DEL NOSTRO "IO BIOLOGICO".

IL PRIMO "MATTONE" DELLA VITA, NEGLI ULTIMI 50 ANNI E' STATO SUPER STUDIATO E SEQUENZIATO, MA NONOSTANTE CIO', CONSERVA ANCORA MOLTISSIMI SEGRETI.

SICURAMENTE CONTIENE IN SE, IN MANIERA COMPLETA E PERFETTA, IL NOSTRO PASSATO, IL PRESENTE ED IL FUTURO.

LA DOMANDA MULTIPLA  E': E' STATO CREATO ? SI E' FORMATO SPONTANEAMENTE ? DA DOVE PROVIENE ? E QUINDI DA DOVE PROVENIAMO ? 

I NOSTRI ANTENATI SI PONEVANO LE STESSE DOMANDE.

FORSE QUALCUNO SI E' ANCHE AVVICINATO MOLTO...(PROMETHEUS ...)...

QUESTO E' L'INIZIO, L'INIZIO DI OGNI COSA CHE CI RIGUARDI, E NON POTREMO VERAMENTE PROGREDIRE E "TRASFORMARCI" FINCHE' NON ARRIVEREMO ALLA RISPOSTA.

BUONA LETTURA

MLR 







La storia genetica degli europei comincia solo nel 4.500 a.C.

Uno studio pubblicato su Nature Communications ha fornito la prima storia genetica dettagliata dell'Europa moderna, suggerendo che gli Europei sono un popolo più giovane di quello che pensavamo.
Il DNA recuperato da scheletri antichi rivela che il corredo genetico dell'Europa moderna si è formato intorno al 4.500 a.C., alla metà del Neolitico, e non dai primi agricoltori che sono arrivati nella zona circa 7.500 anni fa o dai precedenti gruppi di cacciatori-raccoglitori.

"La genetica dimostra che in quell'epoca qualcosa fece scomparire lo specifico patrimonio genetico delle precedenti popolazioni", ha detto Alan Cooper, direttore del Centro australiano per il DNA antico dell'Università di Adelaide, dove è stata eseguita la ricerca. "Tuttavia, non sappiamo cosa sia successo e perché, e la metà del Neolitico non era stata precedentemente identificata come un tempo di grandi cambiamenti". "Questa popolazione si muove all'incirca tra il 4.000 e il 5.000 a.C., ma da dove proviene rimane un mistero, dato che non vediamo niente di simile nelle zone circostanti l'Europa".

Nello studio, Cooper e i suoi colleghi hanno estratto il DNA mitocondriale, che i figli ereditano solo dalla madre, da denti e ossa di 39 scheletri trovati nella Germania centrale. Gli scheletri hanno un'età compresa tra i 7.500 e i 2.500 anni.
Il team si è concentrato su un gruppo di lignaggi mitocondriali strettamente legati - mutazioni nel DNA mitocondriale che sono simili tra loro - noti come aplogruppo H, che è portato da quasi la metà degli europei moderni (fino al 45%).
Non è chiaro come questo aplogruppo divenne dominante in Europa. Secondo alcuni scienziati si diffuse in tutto il continente in seguito a un aumento della popolazione dopo la fine dell'ultima era glaciale circa 12.000 anni fa. Ma i nuovi dati dipingono un quadro diverso: più che un singolo o pochi eventi di migrazione, l'Europa è stata occupata più volte, a ondate, da gruppi diversi, da diverse direzioni e in tempi diversi.

Cacciatori e agricoltori:

I primi esseri umani moderni a raggiungere l'Europa arrivarono dall'Africa dai 35.000 ai 40.000 anni fa. A partire dai 30.000 anni fa erano diffusi in tutta l'area, mentre i loro cugini, i Neanderthal, scomparvero. Quasi nessuno di questi primi cacciatori-raccoglitori portava l'aplogruppo H nel loro DNA.
Circa 7.500 anni fa, all'inizio del Neolitico, un'altra ondata di umani si espanse in Europa, questa volta dal Medio Oriente. Portavano nei loro geni una variante dell'aplogruppo H, e nelle loro menti la conoscenza dell'agricoltura. Gli archeologi chiamano questi primi agricoltori dell'Europa centrale la cultura della ceramica lineare (LBK), così chiamata perché le loro ceramiche spesso avevano decorazioni lineari. Le prove genetiche dimostrano che la comparsa degli agricoltori LBK e i loro aplogruppi H unici coincisero con una drastica riduzione dell'aplogruppo U - l'aplogruppo dominante tra i cacciatori-raccoglitori che allora vivevano in Europa.
"I risultati mettono un punto fermo nel vecchio dibattito tra gli archeologi", ha detto Spencer Wells, co-autore della ricerca. "La sola archeologia non può determinare se i movimenti culturali - come ad esempio un nuovo stile di ceramica o, in questo caso, l'agricoltura - siano stati accompagnati da movimenti di persone. In questo studio mostriamo che i cambiamenti nei reperti archeologici europei sono accompagnati da cambiamenti genetici, suggerendo che i cambiamenti culturali furono accompagnati dalla migrazione di persone e del loro DNA".
Il gruppo LBK e i suoi discendenti ebbero molto successo e si diffusero rapidamente in tutta Europa. "Diventarono la prima cultura paneuropea.
Dato il loro successo, sarebbe naturale pensare che i membri della cultura LBK furono dei significativi antenati genetici di molti europei moderni. Ma l'analisi genetica del team ha rivelato una sorpresa: circa 6.500 anni fa, a metà del Neolitico, la cultura LBK venne essa stessa rimpiazzata. I loro tipi di aplogruppo H improvvisamente divennero molto rari, e furono sostituiti da popolazioni con un diverso insieme di variazioni dell'aplogruppo H.

I nostri antenati:

I dettagli di questo "turnover genetico" sono oscuri. Gli scienziati non sanno ciò che lo causò, né da dove venissero i nuovi colonizzatori. "Tutto quello che sappiamo è che i discendenti dei contadini LBK scomparvero dall'Europa centrale circa nel 4.500 a.C., aprendo la strada all'ascesa di popolazioni provenienti da altrove".

"Alla fine del V millennio ci sono stati un sacco di cambiamenti nella documentazione archeologica", spiega Peter Bogucki, archeologo alla Università di Princeton non coinvolto nello studio, ma esperto delle prime società agricole in Europa. "Ci sono state grandi trasformazioni all'interno dell'Europa centrale che non sono state ben spiegate". Bogucki pensa che il cambiamento climatico sia stato un fattore della variazione genetica in Europa, ma non l'unica causa.
Una cosa che è evidente dai dati genetici è che quasi la metà degli europei moderni possono far risalire le loro origini a questo misterioso gruppo. "Nel 4.500 a.C. circa, iniziamo a vedere una diversità e una composizione del patrimonio genetico che cominciano ad assomigliare a quelle della moderna Europa centrale".
"Questa composizione verrà poi modificata dalle successive culture che arrivano, ma è la prima volta in cui si vede qualcosa di simile alla moderna composizione genetica europea".
Qualunque sia stato il motivo della sostituzione "genetica" della prima cultura paneuropea, Cooper e la sua squadra vogliono saperne di più. "Successe qualcosa di importante", ha detto, "e ora dobbiamo scoprire cosa sia stato".




Fonti:
http://www.adelaide.edu.au/news/news60721.html

 

Wikipedia

Nessun commento: