IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

mercoledì 10 febbraio 2016

IL "PERICOLOSO" SEGRETO DELLA MELATONINA


Perché le Industrie Farmaceutiche temono la MELATONINA?


Il Potere Farmaceutico si è ormai impossessato del mondo e fa di tutti noi i servitori del Sistema. Esiste certo in molti l’angosciosa consapevolezza di questo dramma, che ha ora dimensioni storiche. Si tratta infatti di un evento storico che lascerà tracce profonde e una scia di morte a caro prezzo. La medicina allopatica, che si basa su farmaci creati dall’uomo con la chimica e la biochimica, è nata dopo la fine della seconda guerra mondiale, imponendosi con le protezioni di brevetti e un crescente potere di promozione e vendita che non ha uguali nella storia. Le industrie farmaceutiche, capeggiate e appoggiate in Svizzera e in Germania dagli stessi Governi, orgogliosi dei crescenti fatturati (sic!), sono ormai le padrone del mondo e non lo nascondono neppure. Il fatto, a me ben noto, che i farmaci non portano a guarigione nessuna delle patologie più comuni (degenerative, auto-immunitarie e tumorali), è la prova che infatti lo scopo dei potenti farmaceutici non è assolutamente quello di “guarire” le malattie, bensì quello di “mantenerle”! Infatti si parla di “cure” e non di “guarigioni”. Il fenomeno è talmente radicato e le menti sono talmente obnubilate dal Sistema, che risulta ormai impossibile fare qualcosa. Si deve solo attendere, anni o decenni, fino a che accada qualcosa che deve necessariamente derivare dalla maturazione della consapevolezza di chi soffre e si sottrae ai carnefici. È certamente molto pericoloso cercare di far capire cosa è successo, in quanto nessun mostro farmaceutico accetterebbe di vedere scendere il fatturato solo perché qualcuno si è accorto della mostruosa truffa. So che la storia della melatonina è ora illustrata da centinaia se non migliaia di pubblicazioni, in gran parte seguite all’uscita a New York nell’agosto 1995, del New York Times bestseller “The Melatonin Miracle” cha lasciò di stucco le menti impreparate e oltraggiate di ricercatori, medici e industrie farmaceutiche. Lo spavento fu grande e ancora oggi pochi hanno capito cosa sia la melatonina e per quale ragione abbia provocato ansia e terrore. Poi è stata abilmente denigrata e tenuta nascosta e ancora oggi, in Europa e nel mondo intero, con le notevoli eccezioni del Paese Liberale che si chiama Stati Uniti, e del Paese Anomalo chiamato Italia, non se ne parla e non si trova. La melatonina apre infatti un Nuovo Continente della Salute e della Medicina. All’uscita del libro, seguita ad una straordinaria Terza Conferenza di Stromboli nel 1993 e alla descrizione nel 1994 di melatonina e trapianti di ghiandola pineale, riportati dalla più prestigiosa rivista scientifica mondiale, i “Proceedings of the National Academy of Sciences, USA”, ben 15 Paesi chiesero i diritti di pubblicazione e i relativi volumi furono pubblicati in 15 lingue. Ma qui inizia la torbida vicenda che vado ad illustrare. L’editore Goldman Verlag di Monaco di Baviera ottenne i diritti a pubblicare il volume tedesco al prezzo di 70.000 Marchi. Ma cosa successe? Alla pubblicazione, che avrebbe dovuto vedere l’autore chiamato a firmare i libri e a prestarsi, come succede sempre, a interviste varie, nulla avvenne. Credo che invece di alcune centinaia di migliaia di copie, ne abbiano vendute poche migliaia. Alle mie proteste con l’agente letterario tedesco e con l’editore, rispose un totale silenzio. Il Governo Tedesco aveva messo il veto! Non si doveva parlare di melatonina ai tedeschi. Infatti la Germania, con la Svizzera, contiene le più grandi multinazionali farmaceutiche e il messaggio della melatonina era troppo dirompente e pericoloso. Svizzeri e Tedeschi dovevano rimanere all’oscuro della scoperta, e lo sono tuttora! Il lavoro e le scoperte erano stati effettuati in Svizzera, la diffusione scientifica era avvenuta in Italia e negli Stati Uniti, ma esistono interessi che non si possono scalfire. Non solo ma furono pubblicati articoli diffamanti e denigratori che relegavano la melatonina a un fumoso “sonnifero” e a rimedio del jet-lag. Tuttavia io ero in Svizzera, la scoperta era stata fatta in Svizzera! Iniziai, nel 1997, a preoccuparmi in quanto in Italia spericolati commercianti avevano messo in commercio la melatonina “fatta in casa”, facendo enormi affari. Allora, essendo in Svizzera, mi misi in contatto con una nota società svizzera che si occupa della produzione di integratori e galenici, la ditta Streuli SA di Uznach, e con loro misi a punto la Formula della MelatoninaZn-Se. Lo scopo era di far avere a chi ne avesse bisogno un prodotto serio e certificato. Ma la vendita era proibita in Svizzera! Iniziammo quindi a far produrre la simpatica MelatoninaZn-Se in Svizzera, per poi esportarla in Italia dove era ormai stata classificata come integratore alimentare, esattamente come negli Stati Uniti. Quindi per ben nove anni, producemmo la melatoninaZn-Se in Svizzera presso l’eccellente Società Streuli SA di Zurigo, per esportarla in Italia, dove veniva venduta nelle farmacie. Il silenzio dominava in Svizzera fino a che, improvvisamente dopo nove anni, evidentemente allarmati dal fatto che gli svizzeri ed i tedeschi la acquistavano in Italia, il Governo Svizzero e l’organizzazione Swissmedic, che regola i farmaci in Svizzera, decisero che la melatonina era diventata…..un farmaco! Quindi per la sua produzione si dovevano adottare misure talmente costose e complicate che non erano certo nel programma della Ditta Streuli, che è solo autorizzata a produrre integratori. I poveretti e anche noi eravamo chiaramente vittime della decisione che aveva trasformato l’innocente melatonina in un Farmaco, imponendo quindi una registrazione al costo di milioni di franchi, per una molecola naturale la cui protezione brevettuale è impossibile! A sentire tali vicende, si rimane allibiti ma, la gente non le conosce. Gli svizzeri ed i tedeschi della melatonina non hanno mai sentito parlare! Quindi non esiste e non interessa ai medici. I medici sono esecutori ciechi dei loro Governi e della WHO di Ginevra, pena la scomunica. Questo è il mondo finanziario che domina il Pianeta e che gestisce vita o morte della gente. Con grande disagio, spese e fatiche dovemmo trasferire la produzione in Italia, il benedetto Paese dove abbiamo vinto la Guerra alla melatonina, capeggiata dalla Forze Armate degli Stati Uniti che hanno salvato il mondo dalla sparizione della melatonina stessa. Molte di queste vicende sono narrate nel mio libro scritto a quattro mani con Pippo Zappulla che si intitola: “L’Orologio della Vita. La storia della Melatonina”. Posso mettere a disposizione la corrispondenza con il Ministro della Sanità svizzero e con la Swissmedic, gli spietati controllori dei farmaci. Basta leggere per capire ed avere conferma di quanto esposto sopra. Sono fatti che fanno rabbrividire e che ci fanno capire che la caccia alle streghe ed i roghi sono ancora vigenti ma che i metodi sono molti più raffinati e crudeli: ci vanno di mezzo tutti o quasi. È ormai una narcosi mortale che coinvolge tutti.





SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs




                             http://marcolarosa.blogspot.it/p/come-fare-per.html 









Nessun commento: