IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 26 settembre 2014

IL CAMMINO DEL LABIRINTO


LA SIMBOLOGIA DEL LABIRINTO.

MISTERICA ED ARCANA, FIN DALLA PIU’ PROFONDA PREISTORIA.  POSSIAMO PARLARE DI SIMBOLOGIA “ARCHETIPA” CHE E’ INSITA NELLA COSCIENZA DELL’UOMO KOSMICO.
ARCHETIPO: ARCHE’= ORIGINALE , TIPOS= MODELLO. E’ LA FORMA PREESISTENTE E PRIMITIVIA O PRIMIGENIA DEL PENSIERO.
HO TRATTATO MOLTO DI SIMBOLISMO E SIMBOLOGIA SU QUESTO BLOG, MA MAI DEL “LABIRITNTO”.
DI SEGUITO, UN'ILLUMINANTE INTERVISTA DE "IL PUNTO SUL MISTERO" (http://www.ilpuntosulmistero.it/) ALL’AMICO GIANCARLO PAVAT CHE INSIEME A GIANCARLO MAROVELLI, FABIO CONSOLANDI, LUCA PASCUCCI E FABIO PONZO HA SCRITTO UN TRATTATO CHE E’ ORMAI DIVENUTO UNA PIETRA MILIARE PER LO STUDIO DI QUESTA SIMBOLOGIA ARCHETIPA.
VOGLIO DOVEROSAMENTE PUNTUALIZZARE CHE GIANCARLO PAVAT E’ ATTUALMENTE CONSIDERATO UNO DEI MAGGIORI ESPERTI INTERNAZIONALI DI QUESTA MATERIA.

BUONA LETTURA

MLR

DA:

FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO. Dalla scoperta del labirinto di Santa Sinforosa ai Trojaborgar del Baltico.

 IL LIBRO CHE STA RIVOLUZIONANDO LE CONOSCENZE SUI LABIRINTI DI TUTTO IL MONDO.

FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO



Dalla scoperta del labirinto di Santa Sinforosa ai Trojaborgar del Baltico.
di Giancarlo Pavat & Giancarlo Marovelli, Fabio Consolandi, Luca Pascucci e Fabio Ponzo.

“Il labirinto è un modello molto preciso che ci aiuta a comprendere l’universo. Non rappresenta solo ritmi cosmici ben definiti, ma anche le altre proporzioni sacre che simboleggiano la nostra relazione con “il viaggio di ritorno” verso l’integrità spirituale”.
(Keith Critchlow)

“Solvitur ambulando”
(Si risolve camminando).
(Sant’Agostino)

•             Prefazione Jeff Saward
•             a cura di Giancarlo Pavat
•             da un idea di Giancarlo Pavat e Fabio Consolandi
•             Consulenza tecnico-scientifica: Giancarlo Marovelli
•             Grafica e impaginazione: Fabio Consolandi.

Copertina a colori (Le immagini utilizzate in I° di copertina ritraggono il labirinto di S. Sinforosa in Abruzzo e la chiesa di St. Klemens di Visby, isola di Gotland);

Un volume in brossura, formato 17 x 24, di 390 pagine, di cui 57 tutte di disegni e foto a colori, arricchito dalla prefazione di uno dei massimi esperti mondiali di labirinti, l’inglese Jeff Saward. Un lavoro di ricerca su tutti i labirinti italiani (che non esisteva in lingua italiana nel panorama delle ricerche su questa affascinante tematica) e sui principali esemplari europei, frutto di anni di ricerche sul campo, con viaggi in tutta Europa sino alla Scandinavia.

IL PUNTO SUL MISTERO
Da dove nasce l’idea di questo libro e perché sta affascinando molti appassionati ed esperti ricercatori non solo in Italia ma pure in Europa?

GIANCARLO MAROVELLI:
“L’idea nasce da una sinergia congiunta, resa comune dall’interesse su questo antico simbolo, molti di noi avevano iniziato un proprio percorso personale alla scoperta del labirinto, lungo le antiche vie di pellegrinaggio che dal nord Europa giungevano a Roma e/a Gerusalemme. Questo cammino di ricerca è culminato con la pubblicazione di quest’opera di 390 pagine, in essa si racchiudono esperienze, percorsi, luoghi che porteranno i lettori all’ individuazione di un cammino che nasce in primis all’interno di noi stessi fino a giungere al segreto più nascosto nel labirinto racchiuso nella nostra anima.”

FABIO CONSOLANDI:
“Il padre dell’idea, che ha dato origine al libro, è indiscutibilmente Giancarlo Pavat. Grazie alla sua grande esperienza, nel campo di questa particolare simbologia, è stato possibile strutturare, in un progetto organico, tutto il materiale presente nel volume. Non solo: a Pavat va anche riconosciuto il merito di aver svolto non solo il coordinamento dei ricercatori in ambito nazionale ed europeo, ma anche di avere svolto il ruolo di supervisione e regia di tutte quelle attività che, nell’arco di un lungo periodo di tempo, hanno portato alla concretizzazione di questo libro. Probabilmente, l’interesse che questo volume sta suscitando in campo internazionale, è dovuto proprio all’ampio arco geografico delle argomentazioni riportate, la loro esposizione chiara e seria e al fascino della simbologia stessa. Tutti questi elementi sono stati mirabilmente integrati fra loro, concorrendo a rendere il libro degno dell’attenzione d’oltreconfine.”

GIANCARLO PAVAT:
“Per quanto mi riguarda nasce da anni di ricerche sui simboli e sul loro utilizzo nel corso della Storia umana, in particolare su quello del labirinto. Gli studi su questo simbolo antichissimo e diffuso in tutto il Mondo mi hanno portato ad organizzare, negli ultimi anni, diversi viaggi; alcuni dei quali ci hanno portato sino in Scandinavia, sul Mare del Nord e sul Mar Baltico. Ebbene, questo libro è pure un primo resoconto proprio di quanto emerso da queste spedizioni. Quanto al fatto che queste nostre ricerche e il libro stiano interessando numerosi ricercatori è dovuto in primis all’argomento stesso che abbiamo affrontato, e, in seconda battuta, alle novità ed alle scoperte che abbiamo effettuato.

IPSM:
Come siete riusciti a coordinare il lavoro di ben cinque autori e ricercatori?

GM: Necessario ed insostituibile è stato il lavoro fatto sul campo da alcuni di noi, sommato alI’uso dei moderni mezzi della tecnologia che ci hanno permesso di scoprire in alcuni casi, particolarità ben celate da questi antichi costruttori di labirinti. La rete ci ha dato la possibilità di scambiare dati, quasi in tempo reale, con ognuno di noi, in modo da confrontarci ed arricchire la ricerca con il nostro background personale acquisito in anni di ricerche.

FC: Non è stato difficile: internet, telefonia mobile, Giancarlo Pavat e l’architetto Giancarlo Marovelli come referenti di progetto. Per quanto mi riguarda, mai nessuna esperienza di lavoro precedente è stata più coinvolgente ed interessante. Inoltre è stato per me formativo, in quanto ho avuto modo di imparare dalla loro grande professionalità e serietà intellettuale.

GP: E’ stato uno degli aspetti che più mi ha entusiasmato. Normalmente i libri li scrivo da solo (ad esempio “Nel segno di Valcento” del 2010), in questo caso però, sebbene in “Fino all’ultimo labirinto” siano confluiti anni di ricerche anche personali, ho ritenuto che fosse opportuno realizzare un’opera corale. Sia per la vastità della tematica, sia perché molti dei viaggi di ricerca sul labirinto sono state fatte assieme ad altri amici. Quindi è stato semplicemente spontaneo e logico che questo libro vedesse la luce con addirittura cinque nomi sulla copertina. Non ci sono stati grossi problemi per coordinarci, anche grazie alle nuove tecnologie. Il continuo scambio di idee, informazioni, conoscenze, è stato davvero stimolante ed esaltante. Si tratta di una esperienza formativa certamente da ripetere. Si è creato un ottimo team e abbiamo altri progetti all’orizzonte.

IPSM:  Alcuni di voi sono da tempo noti come scrupolosi ricercatori sul tema dei labirinti, quindi avete utilizzato anche dati e informazioni raccolti in vostre precedenti ricerche? Hanno collaborato con voi anche altri ricercatori internazionali?

GP:  Le mie ricerche sul Labirinto, come ho già accennato precedentemente, nascono come logica prosecuzione di quelle sulle simbologie (soprattutto medievali) che da anni (da almeno oltre un decennio) sto portando avanti. Giova ricordare, ad esempio, le mie scoperte sul celebre affresco del “Cristo nel labirinto” di Alatri. Ebbene, sono state proprio queste ricerche che mi hanno permesso di entrare in contatto con ricercatori internazionali. Inglesi, svedesi, tedeschi ecc.. Con i quali è nato un proficuo scambio di informazioni. In particolare con Jeff Saward, uno dei massimi esperti mondiali in fatto di labirinti, che da tempo segue i miei studi. Tanto da pubblicare nel 2012, sulla rivista da lui duretta e fondata, “Caerdroia” (vera e propria “Bibbia” in lingua inglese sui labirinti) un mio articolo in lingua inglese dedicato al labirinto alatrense. Tutta questa congerie culturale traspare anche dal nostro libro. Un opera davvero di respiro internazionale, lontana da provincialismi e steccati ideologici. D’altronde non poteva essere altrimenti; visto che il Labirinto appartiene a tutta l’Umanità.

GM:  E’ un tema che ho a cuore da oltre 15 anni, questo simbolo mi ha donato moltissimo sia dal punto di vista umano che durante i miei viaggi di ricerca, ho incontrato ricercatori che stavano compiendo i miei stessi studi tra cui i coautori di questo volume. Ho utilizzato dati, informazioni, esperienze delle mie ricerche sul campo cercando di inserirle all’interno del volume in modo da condividere con tutti questo meraviglioso cammino.

FC:  Non posso rispondere alla prima domanda in quanto mi considero un discente in materia di labirinti, per definirmi “ricercatore scrupoloso” ho ancora molta strada da percorrere ed esperienza da accumulare. Mi è d’obbligo quindi far rispondere Pavat e Marovelli in merito. Per quanto riguarda le collaborazioni con i ricercatori internazionali, la risposta è un orgoglioso “SI”! Abbiamo avuto l’onore di avere una prefazione da quella che è internazionalmente riconosciuta, sia dalle università che dagli istituti di ricerca, una delle massime autorità del campo: Jeff Saward. Il quale non solo ha fregiato il nostro libro con una bella prefazione, ma ha anche supportato attivamente il nostro lavoro. Tutto ciò grazie ai frequenti scambi con l’illustre studioso e ricercatore coltivati da Pavat nel suo lungo periodo di ricerca sui labirinti.

IPSM: La vostra non sembra essere stata una mera ricerca archeologica o storica. Ma c’è dell’altro. Ce ne potete parlare?

GP:  Le mie ricerche non sono mai meri ed aridi studi eruditi ma vere e proprie esperienze di vita. Ci muoviamo sul campo, spesso affrontando situazioni davvero avventurose, spesso ci rechiamo in luoghi e siti di cui la maggior parte delle persone (anche cosiddetti a detti ai lavori) ignorano persino l’esistenza. E’ chiaro quindi, che questo libro è qualcosa che va aldilà della semplice (per quanto profonda e documentata) ricerca storico-archeologica. Abbiamo intrapreso un percorso, imboccato un sentiero, che vogliamo condividere con altri ma che è soprattutto di ricerca e crescita personale. Il Passato, le antiche conoscenze di chi ci ha preceduto, non vanno rinchiuse in un museo ma vissute, giorno per giorno.

GM:  Esatto, non è una mera ricerca archeologica o storica, questo è uno studio organico della valenza del simbolo, dal punto di vista alchemico, geobiologico, radioestesico, simbolico, una miscellanea di discipline che porta ad un cammino, ad un messaggio profondo volto alla scoperta di una via, un percorso energetico al suo interno, un canale per raggiungere l’anima, in modo da attivare la “Monade” (il “Sé”) attraverso le funzioni psicologiche, sensoriali, intuitiva, intellettiva ed affettiva, fino a caricarsi di un’energia spirituale intensa. Questo è il grande patrimonio che è stato lasciato al Pellegrino e a tutti coloro che ricercano, questo abbiamo ereditato noi; il recupero delle leggi che regolano l’architettura sacra, l’utilizzo consapevole dell’energia geomagnetica unito alla preghiera, ci permette oggi di crescere in maniera consapevole, grazie alla riscoperta dell’antico sapere proveniente dal nostro passato.

FC:  E’ vero: c’è dell’altro. Dell’altro sul quale si potrebbero utilizzare i proverbiali “fiumi di inchiostro” nel mero tentativo di descrivere (non riuscendo in pieno…) la dimensione trascendentale ed ultima alla quale tende il simbolo del labirinto. Proprio questa sua peculiarità lo rende un simbolo misterioso ed affascinante. Proprio la “tensione” che genera nell’animo di colui che si accinge a contemplarne le geometrie ed il messaggio, potrebbe sinteticamente definire quel concetto di “altro” che va oltre l’archeologia e la storia. E’ però molto soggettivo. Una delle finalità del libro è proprio questa: mettere il luce gli aspetti trascendentali del simbolo stesso, che non hanno mai abbandonato la nostra ricerca e che, anzi, ne hanno composto la struttura portante.

IPSM:  Un simile libro comporta un enorme impegno sia economico che soprattutto intellettuale e culturale, senza parlare dei viaggi che avete fatto sulle tracce dei vari labirinti. Come ci si sente ora, che avete raggiunto brillantemente il vostro obiettivo?

GM:  La soddisfazione è immensa, ampiamente ripagata dallo spessore del nostro volume, ma quello che arricchisce maggiormente: l’aver donato a colui che sa cercare, un valido strumento, una traccia, un percorso che darà emozioni immense, le stesse emozioni che io ho provato nel mio cuore attraverso il cammino del labirinto.

FC:  Personalmente sono soddisfatto. Ma, allo stesso tempo, consapevole che si può fare ancora molto e meglio: le tematiche che orbitano intorno al simbolo del labirinto e le interazioni che esse implicano, sono vastissime e, sebbene la grande capacità di Pavat e Marovelli ha permesso di sintetizzarle al meglio nel nostro libro, l’indagine ha ancora ampi margini di sviluppo. Di conseguenza, penso di esprimere un concetto condiviso anche dagli altri autori, abbiamo intrapreso un vero e proprio “cammino” ( non a caso il titolo del libro…) attraverso un campo della conoscenza che sicuramente porterà ad altro e altrove…

GP:  Una volta ho detto che il vero scopo di una ricerca non è raggiungere un obiettivo ma la ricerca stessa. Quindi non posso che ritenermi soddisfatto di questa “fatica”. Soprattutto per il fatto che mi ha permesso di arricchirmi, assieme agli amici, compagni di viaggio, coautori, in fatto di esperienze, emozioni, valori, sentimenti… Ma, come lasciamo intendere nel libro, il “cammino” è ancora lungo e la ricerca non è affatto finita…quindi…

IPSM: Sin dal titolo invitate il lettore a seguire un determinato percorso, un cammino “FINO ALL’ULTIMO LABIRINTO”, ma voi siete riusciti a raggiungere “L’ULTIMO LABIRINTO” oppure la vostra ricerca continua?

GP:  L’ho già detto…il “cammino” è ancora lungo….

GM: La ricerca è in continua evoluzione, penso che ognuno di noi debba ancora percorrere molto di quel cammino, in ogni modo averlo iniziato è un grande passo che dona luce immensa, mi piace ricordare queste frasi di SAN Agostino:  ” solvitur ambulando” si risolve camminando…Una valida indicazione che unita ad un altra citazione “Non uscire fuori di te, rientra in te stesso, la verità sta nell’intimo dell’anima umana” danno una precisa direzione sul cammino di ricerca che ognuno di noi, attraverso il labirinto deve compiere.

FC:  “L’ultimo labirinto” è il concetto ideale che rappresenta la tensione alla ricerca stessa intesa nel suo senso più lato e multidisciplinare possibile… Il giorno in cui arriveremo all’ultimo labirinto quest’ultima si concluderà. Per ora vedo questa meta lontana, molto lontana… Inevitabilmente la “Ricerca” deve continuare: è necessario. Mi piace pensare che qualcuno prima o poi riuscirà a raggiungere, questa meta ideale dell’ultimo labirinto, e tornare con un bagaglio di consapevolezza e di esperienza capace di rispondere alle più urgenti ed importanti domande che oggi insistono nella nostra civiltà. Sarebbe bello scoprire che questa esperienza appartenga alla dimensione che trascende la nostra realtà materiale… Vedremo!

IPSM: Quali sono i vostri prossimi obiettivi e i vostri progetti futuri?

GM:  Attualmente sto studiando le valenze simboliche di un’antica pieve a schema basilicale a tre navate, del 722, posta nel Comune di Bagni di Lucca, entro la fine di quest’anno dovrei completare la mia ricerca; Per quanto riguarda “In cammino fino all’ultimo labirinto” l’obbiettivo è di renderlo fruibile a livello internazionale mediante la traduzione in lingua Inglese, in modo da raggiungere e far conoscere i vari labirinti situati in tutta Europa ad una moltitudine di persone.

FC:  La situazione socio/politica italiana mi preoccupa molto. In un contesto come quello che stiamo vivendo oggi, qualsiasi attività, anche quella apparentemente più semplice, diventa una sfida insormontabile. Diventa così molto difficile, almeno dal mio esclusivo punto di vista, riuscire a pianificare dei progetti da dichiarare realizzabili con cognizione di causa. Per ora stiamo lavorando intorno a questo libro con la ferma volontà di proseguire studi e ricerche nella nostra meravigliosa penisola. Tutto ciò sarà possibile se l’attuale classe politica lo consentirà, altrimenti, sto pensando seriamente di andarmene e continuare le ricerche altrove, in contesti più civili ed organizzati, dove la cultura è una risorsa e non è soggetta alle dinamiche obsolete e cristallizzate dell’ignoranza e dell’arroganza del potere oligarchico che attualmente governa il nostro paese.

GP:  Per prima cosa desidero proseguire sulla strada che abbiamo tracciato in merito alle ricerche ed alla diffusione della conoscenza del simbolo del Labirinto. Inoltre, come già detto, abbiamo creato un ottimo team e ci sono ancora tanti misteri da svelare…..vi posso assicurare che altre soprese sono in arrivo. Continuate a seguirci.

IPSM:  Grazie e in bocca al lupo per le vostre ricerche.

http://www.ilpuntosulmistero.it/2014/01/07/esclusiva-intervista-a-tre-degli-autori-di-fino-allultimo-labirinto/


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA STORIA EVOLUTIVA DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA
DI MARCO LA ROSA
E' UN'EDIZIONE OMPHILABS


ACQUISTABILE DIRETTAMENTE DAL SITO OMPHILABS ED IN LIBRERIA


Nessun commento: