IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

venerdì 3 agosto 2012

LE MALATTIE AUTOIMMUNI: CURARLE CON LA MEDICINA DELL'INFORMAZIONE



 Quando il sistema immunitario va in tilt, la medicina dell’informazione ci viene in grande aiuto

di: Urbano Baldari  
Le malattie autoimmuni sono in continuo aumento, e questo e` probabilmente in gran parte dovuto alle raggiunte capacità diagnostiche della Medicina. Oramai esistono specializzazioni mediche direttamente collegate alla ricerca e alla terapia di queste malattie: parlo dell’Immunologia e della Biologia molecolare, senza contare gli specialisti quali endocrinologi, neurologi, gastroenterologi, reumatologi, dermatologi ecc., per i quali l’approccio al singolo organo o apparato di competenza può comportare una diagnosi di malattia autoimmune.
Tuttavia, oggi come oggi, la ricerca diagnostica e` quasi interamente indirizzata e concentrata a eliminare dalla parte colpita il danno infiammatorio. Potremmo così affermare che tutti gli specialisti convenzionali si concentrano in genere a ridurre o a togliere la sofferenza dell’organo o dell’apparato di cui sono competenti, ma non si curano di cercare le cause del danno iniziale, a monte del quadro sintomatologico. Questo e` un limite, perchè  i pazienti sono costretti a proseguire per lunghissimi periodi, o per sempre, terapie antinfiammatorie, o sostitutive, spesso con farmaci molto aggressivi, i quali diventano essi stessi un problema nel problema.
Nell’ambito delle varie scuole mediche esistono comunque centri in cui si tenta di capire come siano avvenuti e come si siano sviluppati eventi così aggressivi, quali spesso sono le patologie autoimmuni, e altri centri in cui ci si preoccupa solo di tamponare. La malattia, dopo una prima diagnosi clinico-laboratoristica.
Naturalmente, il rischio di questo secondo approccio potrebbe essere collegato all’inquadramento della patologia entro schemi molto rigidi (la definizione di diagnosi diventa più importante del paziente), il che puo` comportare la prescrizione di terapie altrettanto rigide, poco “calate” nei singoli bisogni.
La Medicina dell’Informazione può fornire un grande aiuto sia nella diagnosi che nella terapia, proprio perchè si sforza di capire sia da dove e` partito l’“imput informatico” che ha creato la patologia autoimmune, sia quali “hackers” e quali situazioni intrinseche al sistema hanno collaborato alla sua manifestazione.
Temi trattati dal Dott. Baldari nel suo studio:
Il mimetismo molecolare: un errore di valutazione
Il Meridiano di Vescica
Meridiano di Vescica Urinaria
La Catena Causale Vescica
Eurytrema pancreaticum)
Adenovirus nelle tiroiditi autoimmuni (Morbo di Basedow e Morbo di Hashimoto);

Streptococchi nel Pemfigo;
Virus e metalli pesanti nella Sclerosi multipla;
Artrite Reumatoide, Lupus, Sclerodermia, ovvero le grandi malattie del collagene, sono la espressione di Molte novita` concomitanti.
Epstein-Barr virus, Citomegalovirus
Papillomavirus (HPV), Herpesvirus
Casi clinici risolti di:
Lupus fisso discoide con ANA positivi, ENA in parte positivi.
Artrite reumatoide, con ANA positivi, Reuma test positivo, inversione della formula leucocitaria
ARTICOLO NELLA VERSIONE INTEGRALE:  Scienza e Conoscenza n. 41

Il dottor Urbano Baldari riceve su appuntamento presso il Poliambulatorio Kimeya a Cesena (FC).
E' possibile chiamare per un appuntamento lo  0547 610024 
oppure prenotare on line sul sito: http://www.kimeya.it/

da: SCIENZA E CONOSCENZA

Nessun commento: