IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

sabato 15 gennaio 2011

LA MASSONERIA: E' LA "CONCRETIZZAZIONE" PIU' EVIDENTE DEL SIMBOLISMO RADICATO NEL PROFONDO DELLO SPIRITO UMANO !


Il gran sigillo degli Stati Uniti può essere facilmente visto sul retro di una banconota da un dollaro. Anche se i colori non saranno visibili, è un punto di riferimento facilmente identificabile. Il recto è sul lato destro (l'aquila), mentre il verso è sul lato sinistro (piramide) dell'immagine.

L'uomo è una creatura enigmatica con una duplice natura, spirituale e temporale. Le sue istituzioni riflettono le molteplici sfaccettature del suoi variegati e complessi processi mentali. Contemporaneamente è occupato con la routine di soddisfare i bisogni fondamentali di cibo, vestiti e riparo e i bisogni spirituali e sociali, meno tangibili e più diversificati. I punti di vista sono vari quanto gli individui, soggetti non solo ai cambiamenti dell'ambiente esterno, ma anche a cambiamenti interni auto-creati. Solo l'uomo ha dentro di sé qualsiasi potere di pensiero e di immaginazione. Uno degli aspetti del comportamento dell'uomo che proviene dalla sua immaginazione, con la superstizione, lo sforzo spirituale e il ragionamento, è il simbolismo.
Segni, immagini, oggetti, emblemi, parole, numeri, musica o qualsiasi mezzo di trasporto delle idee da un individuo a un altro diventa veicolo di simbolismo. Alcune delle attività dell'uomo si prestano più facilmente al simbolismo rispetto ad altre. Il rituale della Massoneria è particolarmente ricco di simboli - cose familiari che veicolano un significato nascosto per gli iniziati. La Massoneria filosofica è l'erede del simbolismo praticato negli antichi misteri, dalla Cabbala ebraica e dalle società rosacrociane medievali.

In questa età presente, in cui le cose materiali assorbono quasi ogni ora di veglia, il simbolismo ha perso gran parte del suo fascino, ma non è stato così nel XVIII secolo quando gli eroi rivoluzionari [americani] votarono le loro vite, la loro fortuna e il loro sacro onore all'erezione della nuova nazione. Quando la crisi giunse al culmine degli ideali per i quali avevano combattuto, cominciò ad assumere la forma simbolica. Nel tardo pomeriggio del 4 luglio 1776, il Congresso Continentale "decise che il Dr. Franklin, Mr. J. Adams e Mr. Jefferson formassero un Comitato per preparare il disegno del sigillo degli Stati Uniti d'America". Il 20 agosto il comitato presentò il suo disegno al Congresso; ma la decisione fu rinviata, e per tre anni e mezzo non fu intrapresa alcuna azione ulteriore. Il 25 marzo 1780, la relazione del primo comitato fusottoposta a un nuovo comitato costituito da James Lovell, John Scott Morin e William Churchill Houston. Questo comitato ricevette assistenza artistica da Francis Hopkinson. Un nuovo disegno fu presentato il 10 o l'11 maggio 1780, ma la discussione fu rinviata al comitato, con ulteriori ritardi per altri due anni. Nella primavera del 1782, un terzo comitato, composto da Arthur Middleton, John Rutledge ed Elias Boudinot con l'assistenza di William Barton, A.M., presentò un al Congresso un terzo disegno per il sigillo, che fu ritenuto anch'esso non soddisfacente. Il 13 giugno 1782, il Congresso affidò tutte le relazioni del comitato a Charles Thomason, Segretario del Congresso. Thomason preparò un disegno sulla base di queste relazioni e lo presentò a Barton, che suggerì alcune modifiche il 19 giugno 1782. Thomason immediatamente scrisse la sua relazione al Congresso e la presentò il 20 giugno 1782; la relazione fu accettata il giorno stesso e così fu fissato il disegno del Gran Sigillo, descritto come segue:

ARMI: Tredici fasce verticali, argento e rosso; capo azzurro; lo scudo è posto sul petto dell'aquila americana visualizzata adeguatamente, che brandisce nel suo artiglio destro un ramoscello di ulivo e nel sinistro un mazzo di tredici frecce, e nel becco una pergamena, con il motto "E PLURIBUS UNUM". Per il CREST: sopra la testa dell'Aquila, appare sopra lo scudo una gloria, che irrompe attraverso una nube, corretta e circostante tredici stelle, formando una costellazione d'argento, su un campo azzurro. VERSO: Una piramide incompiuta. Allo zenith, un occhio in un triangolo, circondato da una gloria. Sopra l'occhio queste parole: "ANNUIT COEPTIS". Sulla base della piramide le lettere numeriche MDCCLXXVI. E sotto il seguente motto: "NOVUS ORDO SECLORUM".

Tra coloro che hanno aiutato a progettare il gran sigillo degli Stati Uniti i seguenti sono noti per essere stati Massoni: Benjamin Franklin, Thomas Jefferson, William Churchill Houston e William Barton. È impossibile accertare se essi abbiano coinvolto pesantemente la Massoneria in questo lavoro, ma quando un muratore informato esamina il Gran Sigillo ecco che cosa vede:

Sul dritto è un'aquila la cui ala destra ha trentadue piume, il numero di gradi ordinari nella Massoneria di rito scozzese. L'ala sinistra ha trentatré piume, la piuma supplementare corrispondente al trentatreesimo grado del rito stesso, conferito al servizio eccezionale Massonico. Le piume della coda sono nove, il numero di gradi nel capitolo, del Consiglio e delle Commanderie del rito di York della Massoneria. Il rito scozzese ha avuto la sua origine in Francia; il rito di York è talvolta chiamato il rito americano; L'Aquila così vestita rappresenta l'Unione dei muratori francesi e americani nella lotta per la libertà, uguaglianza e fraternità. Il numero totale di piume delle ali è sessantacinque che, dalla gematria, è il valore dell'espressione ebraica YAM YAWCHOD (insieme in unità). Questa frase viene visualizzata nel Salmo 133 come segue: "Ecco, quanto buono e piacevole è per i fratelli abitare insieme in unità" e viene utilizzata nel rituale di primo grado della Massoneria. La gloria sopra la testa dell'Aquila è divisa in parti uguali di ventiquattro e ricorda all'osservatore il calibro massonico, che è anche diviso in ventiquattro parti uguali ed è emblematico del servizio che egli è obbligato a compiere. Le cinque stelle appuntite gli ricordano la stella splendente massonica e i cinque punti della fraternità. La disposizione delle stelle nella costellazione a formare triangoli equilateri e la stella di Davide richiama alla mente del muratore il sogno del re Davide di costruire un tempio al suo Dio, e i compagni che hanno ricostruito il tempio profanato e la constatazione della parola che è stata persa. I colori oro, argento e azzurro rappresentano il Sole, la Luna e il Venerabile Maestro, il primo che governa il giorno, la seconda la notte, e il terzo la Loggia. L'argento, collegato con la lettera g o Gimel e circondato da un campo azzurro a da una gloria d'oro, ricorda al muratore la lettera G, un arredo più cospicuo di una loggia. Lo scudo sul petto dell'aquila afferma con i propri colori: il valore (rosso), la purezza (bianco) e la giustizia (blu) e ricorda al muratore le virtù cardinali. Il valore di questi colori, dalla gematria, è 103, il valore dell'espressione EHBEN HA-ADAM (la pietra di Adamo) e suggerisce la perfetta ashlar o pietra squadrata, della Massoneria. Centotré è anche il valore del sostantivo BONAIM, un termine dei rabbini indicante "costruttori, muratori". Così i colori nazionali esprimono, tramite la gematria, il nome della fraternità. Il nastro nel becco dell'Aquila, recante la dicitura E PLURIBUS UNUM (di molti uno) ricorda anch'esso l'unità che ci ha resi fratelli di molti.

Sul retro, è l'occhio che tutto vede, all'interno di un triangolo, circondato da una gloria d'oro. Oltre il significato Massonico evidente di questo disegno, esso ha un valore cabalistico di settanta più tre più duecento, uguale a duecentosettantatre che è il valore dell'espressione EHBEN MOSU HABONIM (la pietra che i costruttori hanno rifiutato) familiare a tutti i muratori dell'Arca Reale. È anche il valore del termine ebraico HIRAM ABIF, l'architetto del tempio di Salomone e il personaggio principale della leggenda, utilizzato nel grado maestro muratore. Il triangolo è isoscele, formato da due triangoli aventi lati di dodici, tredici e cinque unità di lunghezza, che illustrano il quarantasettesimo problema d'Euclide. Il triangolo, inoltre, rappresenta la pietra di vertice della piramide incompiuta e ricorda al muratore l'immortalità dell'anima e che nell'eternità egli completerà la pietra di vertice delle sue fatiche terrene secondo i progetti redatti sul cavalletto dall'Architetto supremo dell'Universo. La piramide incompiuta non può non ricordargli la condizione incompiuta del tempio quando la tragedia ha colpito il suo maestro architetto.

I raggi di gloria su entrambi i lati del Gran Sigillo non possono non ricordare al muratore la gran luce in che in Massoneria è la regola e la Guida per la fede e la pratica, e senza la quale non può esistere alcuna loggia massonica. Essi ricordano che solo più luce può dissipare le tenebre dell'ignoranza, in cui egli inciampa, finché egli entra nella Loggia celeste dove tutto è luce.

Fonte: Hirams Oasis Masonic Files
Antikitera.net
MDCCLXXVI, 1776 in numeri romani
Il sistema di numerazione babilonese era in base 60
La Babilonia dei Misteri è il nome biblico del Diavolo
Il triangolo è la raffigurazione matematica del Diavolo
Se si applica Delta a MDCCLXXVI si ottiene il numero 666
I primi disegni del Gran Sigillo mostravano con chiarezza una Fenice al posto dell'Aquila.
Tutte queste Fenici, però, erano disegnate simili ad aquile modificate.
Nell'Occultismo la Fenice, con una o due teste, è riferita a Satana.


SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs




ACQUISTABILI DIRETTAMENTE DAL SITO OmPhi Labs ED IN LIBRERIA

Nessun commento: