IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

lunedì 16 febbraio 2009

L' ENIGMA DELLA CROCE CELTICA











Un antico sestante, eternato nella pietra

Nel 1997 Crichton Miller fece una sorprendente scoperta che avrebbe cambiato per sempre le nostre concezioni del passato storico e religioso. La formazione e le esperienze di vita di Crichton svolgono un ruolo di fondamentale importanza in questa rivelazione, poiché si tratta di un qualificato velista e navigatore con un interesse per la storia antica e le religioni .
Attraverso i risultati di un'intensa attività di ricerca, Crichton propone che il nostro attuale sistema di credenze e la scienza sono stati ereditati dagli antichi marinai che navigavano per gli oceani del mondo nella preistoria. Egli pensa inoltre che la brusca fine dell'ultima glaciazione, 12.500 anni fa, fosse provocata da un cataclisma che distrusse gran parte della flora e della fauna della Terra. Gli uomini che avevano maggiori probabilità di sopravvivere alla catastrofe erano coloro che si trovavano in mare.
Crighton è convinto che l'evento producesse uno tsunami (una grande onda che viaggia molto veloce) e che ad un così grande tsunami fosse più facile sopravvivere per chi si fosse trovato in mare, dove i suoi effetti sarebbero stati limitati ad un grande rigonfiamento della superficie del mare. Gli effetti di una grande onda di marea sulle coste, invece, sarebbero stati terribili. Il gigantesco muro d'acqua si sarebbe trasformato in un'onda di rottura che sarebbe arrivata in profondità nell'entroterra, distruggendo tutto di fronte a sé al suo passaggio, e trasportandosi dietro dalla costa i rottami delle rovine.
Crichton suggerisce che il livello del mare in tutto il mondo è aumentato con lo scioglimento delle calotte di ghiaccio. È quasi impossibile trovare testimonianze archeologiche di civiltà anteriori in quanto si dovrebbero trovare ora sommerse da un centinaio di metri d'acqua di mare, che ha cambiato la topografia delle coste, dove le civiltà più avanzate si erano stabilite. Tuttavia Crichton pensa che esistano altre prove di precedenti civiltà e che questa prova sia stata lasciata intatta nella pietra e nel mito, che noi dobbiamo saper decifrare.
Crichton ritiene che tali civiltà, fiorite prima del cataclisma, fossero basate sul traffico marittimo. Quelle antiche genti marinare avevano sviluppato forme di geometria e di matematica legate all'astronomia e all'astrologia e sviluppate dai loro stili di vita marinari. Per poter viaggiare in tutti gli oceani e i mari del mondo, si deve essere in grado di conoscere la propria posizione e la direzione di movimento.
I navigatori sapevano che il sole si trovava a picco, direttamente sopra la loro testa, a metà giornata. Per trovare la longitudine (posizione Est e Ovest) quei navigatori dovevano conoscere il tempo approssimativo, sia locale sia relativo ad un primo meridiano (una linea arbitraria Nord-Sud a partire dalla quale la posizione sarebbe stata calcolata). Oggi il primo meridiano è quello di Greenwich (0° di longitudine), ma Crichton propone che l'originale primo meridiano potesse essere quello di Giza in Egitto, a partire dal quale erano calcolati tutti i tempi locali e le distanze.
Se questo è vero, la teoria potrebbe spiegare le somiglianze osservate in strutture e orientamenti astronomici in molte località in tutto il mondo. Crichton propone che tali luoghi fossero stazioni di osservazione. Questa rete di strutture allineate astronomicamente è stato a lungo studiato, ma a fronte a nessuna reale prova le analogie di questi siti a livello mondiale è considerata casuale.
Molti ricercatori e scrittori hanno commentato diversi indizi ed elementi di prova che non potevano essere spiegati. Gli esploratori hanno proposto volumi d'informazioni all'attenzione del pubblico. Questa informazione ha solo lasciato intravedere il senso del mistero e, in alcuni casi, ha convinto una gran parte della popolazione che gli alieni fossero coinvolti in questi siti. Crichton non crede che gli alieni siano stati coinvolti, invece, preferisce pensare che siamo noi gli alieni, perché non capiamo il modo in cui i nostri antenati hanno pensato e vissuto.
Nel suo libro The Golden Thread of Time [ISBN 0-9541639-0-7], Crichton mostra che, in confronto agli antichi, siamo diventati molto dualistici e abbiamo divorziato dalla natura e dal cosmo. Se non fosse così, saremmo in grado di vedere ciò che hanno lasciato dietro di loro, chiaramente, e la nostra civiltà non sarebbe sull'orlo del disastro attraverso il conflitto e la distruzione del nostro ambiente. Per dimostrare il suo punto di vista, ha avuto la fortuna di scoprire lo strumento che gli antichi utilizzavano per misurare le stelle e il pianeta su cui viviamo.
Lo strumento di navigazione
Questo strumento è in grado di dire il tempo, trovare la latitudine e la longitudine, misurare gli angoli delle stelle, predire i solstizi e gli equinozi e misurare la precessione degli equinozi. Lo strumento può anche trovare l'eclittica così come i poli Nord e Sud, può costruire le mappe e le carte, servire alla progettazione delle piramidi e dei cerchi di pietre e, quando viene utilizzato in combinazione con quei siti–osservatorio, è in grado di registrare e prevedere i cicli della natura.
Che cos'è questa antica icona che tutta l'umanità vede ogni giorno e non riconosce? È la croce.
Una forma di croce è su tutte le chiese cristiane e molte lapidi, è in letteratura e nella canzone e può essere visto appeso attorno al collo dei fedeli di tutto il mondo. I maestri della fede cristiana l'utilizzano, s'inginocchiano dinanzi ad esso, l'indossano come parte delle loro vesti e tuttavia non la riconoscono per quello che è.
La croce è un tesoro marittimo di sapienza e fu probabilmente uno strumento essenziale per la costruzione e la progettazione delle piramidi. Crichton ha scoperto i resti di una croce, nascosta dalla Casa di Amen nella Grande Piramide di Khufu a Giza. Questa sorprendente croce è in grado di misurare gli angoli con una precisione di tre minuti d'arco.
Crichton propone che la croce sia molto più antica delle piramidi poiché è anche responsabile per la costruzione dei cerchi di pietre del Neolitico in Europa, che precedono le piramidi di migliaia d'anni. Egli ha inoltre scoperto che questa conoscenza è stata riscoperta e tenuta segreta dai Templari e altre "società segrete" attraverso il Medioevo.
Questo grande segreto probabilmente condusse alla distruzione della civiltà amerindia da parte dei Conquistadores, quando essi scoprirono che essi misuravano le stelle con un oggetto a forma di croce, chiamato dai Maya lo Strumento del potere. Per mostrare il confronto di questa antica tecnica, si prega di guardare la fotografia di una croce celtica [nella foto] in una tomba del cimitero di Crichton, vicino alla Cappella Roslyn, presso la frontiera della Scozia.
Vedrete una croce verticale con barre fissate a 90 gradi le une alle altre. Al centro della croce c'è un oggetto che appare come il mozzo di una ruota.
Secondo Crichton, i nostri antenati non progettavano mai le cose senza una ragione e il primo scopo di utilizzare la pietra, come strumento, è quello di assicurarne la durata. La seconda considerazione che gli antichi avevano era quella di integrare e conservare le conoscenze importanti per i loro discendenti. In linea con il principio di non gettare le perle ai porci, si nascosero messaggi esoterici in alcune immagini, scolpite in modo che i posteri potessero trovare quello che effettivamente erano pronti a capire.
Nella presente scoperta, Crichton propone che i primi muratori raffigurassero un oggetto in particolare nell'antica croce che somiglia molto ad una ruota, un oggetto progettato per ruotare tra barre incrociate, su un mozzo. Se questo è il caso, come sembra confermare l'osservazione, dobbiamo allora chiederci: perché?
Crichton osserva che, in alcune delle croci più antiche, i primi muratori inserivano una serpentina disegnata intorno alla ruota e anche che le braccia della croce erano più ampio al bordo esterno che su quello interno. Perché?
La risposta a queste domande è venuta a Crichton, solo quando stava sperimentando i diversi metodi eventualmente utilizzati dagli egiziani per sorvegliare i lavori della Grande Piramide e allinearla con le stelle. Tutte le costruzioni richiedono una rilevazione preliminare. La Grande Piramide fu una gigantesca impresa d'ingegneria civile. Utilizzando il più semplice dei materiali e le tecniche riconosciute della matematica dell'epoca egizia, Crichton ha assemblato un teodolite, che potesse svolgere i compiti richiesti. Con l'aggiunta di un regolo e di un filo a piombo, lo strumento somigliava ad una croce e risultava estremamente preciso, soddisfacendo i requisiti richiesti e molto di più ancora.
Non molto tempo dopo la sua scoperta, mentre svolgeva ulteriori ricerche, Crichton esaminò la documentazione dei ritrovamenti Dixon, scoperti nel ramo nord della camera della Regina nella piramide, nel 1872. Crichton osservò che vi erano altri ritrovamenti ancora in luogo e che potevano essere visti molto chiaramente in fotografie scattate da Rudolph Gantenbrink (1994) con il suo famoso robot in miniatura Uphaut 2. Crichton raccolse gli oggetti in un modo logico e il sorprendente risultato fu una croce con un filo a piombo, di incredibile precisione.
Questo oggetto è in grado di misurare tutti i possibili angoli. Accoppiato con una sufficiente conoscenza astronomica, rivela come gli antichi misurassero il tempo tramite le posizioni delle stelle, del Sole, della luna, dei pianeti, e il modo in cui utilizzavano queste misurazioni per navigare gli oceani del mondo.
Crichton ha scoperto e pubblicato questa ricca fonte di comprensione nel suo libro The Golden Thread of Time [ISBN 0-9541639-0-7]. Molte di queste rivelazioni non sono mai state viste prima dal pubblico e costituiscono un elemento fondamentale per quelli che cercano la verità e la comprensione. Per rendere il suo punto di vista maggiormente sostenibile, Crichton Miller ha chiesto un brevetto sulla croce col filo a piombo e il brevetto è stato finalmente concesso nel novembre del 2000 come uno "strumento astronomico, geodetico e di navigazione" dall'Ufficio britannico per i Brevetti. Il risultato di questo brevetto è lo strumento che vedete qui sotto. Come potete vedere, è una fedele rappresentazione della croce celtica (Figura 1).
Questa versione risorta della croce è fatta in modo che le persone d'oggi possano capire e confrontarla con la croce (nella figura 1) o con qualsiasi croce celtica, in ogni parte del mondo. Lo strumento cruciforme è segnato in gradi intorno al bordo e la ruota gira liberamente su un perno. Le braccia incrociate sono perforate con fori passanti, per consentire ad un osservatore di leggere gli angoli. La parte inferiore della ruota è ponderata in modo che punti sempre al centro della terra. La scala attorno al bordo esterno della ruota va da 0° nella parte inferiore a 90° in senso orario e in senso antiorario, in modo che le misurazioni in orizzontale possano essere prese in qualsiasi direzione, tramite la visuale attraverso i fori.
Potete vedere i vantaggi di questo strumento immediatamente quando si guarda la foto qui sotto, di un osservatore che misura l'angolo del sole che sorge ad est all'alba. Mentre la Terra ruota, il sole sembra sorgere all'orizzonte e il suo angolo di salita può essere letto direttamente dalla scala. Quest'angolo cambia con il corso delle stagioni durante tutto l'anno, e l'ora e il luogo possono essere determinati dai risultati dell'osservazione di stelle, pianeti e costellazioni.
Crichton si considera fortunato per avere scoperto il dono della croce ed essere in grado di trasferire queste informazioni a un altro uomo. Secondo Crichton, "La croce dovrebbe essere completamente capita da quante più persone possibile, perché è il fondamento delle più antiche civiltà, di saggezza e di comprensione". Crichton ritiene che, in questi tempi pericolosi e confusi, faremmo bene a cercare una conoscenza più approfondita di ciò che i nostri antenati sapevano e cominciare a godere la speranza di guarigione che tale conoscenza porta.
Il sito internet di Crichton spiega molto di più sulle sue scoperte. I suoi editori hanno anche un sito web in cui si può leggere una sintesi del suo libro, The Golden Thread of Time.

di Crichton E.M. Miller
(10 Febbraio 2009)

da: La Porta del Tempo.




Nessun commento: