IN RICERCA DELLA VERITA'

IN RICERCA DELLA VERITA'

L'UOMO KOSMICO

L'UOMO KOSMICO
IL LIBRO DI MARCO LA ROSA - CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU' E PER ACQUISTARLO

L'UOMO KOSMICO

L'UOMO KOSMICO
SEGUI L'UOMO KOSMICO SU FACEBOOK

altipiani di arcinazzo

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

LE EDIZIONI E GLI STRUMENTI OmPhi Labs LI TROVATE ANCHE PRESSO:

LIBRERIA ASEQ - ROMA -

LIBRERIA ASEQ - ROMA -
Libreria ASEQ - Via dei Sediari, 10 • 00186 Roma - Email: info@aseq.it - Tel. 06 6868400
ESCLUSIVA OmPhi Labs
STRUMENTI PER LA SPERIMENTAZIONE E LA DIMOSTRAZIONE CONCRETA DELL'ESISTENZA DELLE ENERGIE SOTTILI

STRUMENTI PER RILEVAZIONE DELL'ETERE

NUOVOMONDO DI XmX

NUOVOMONDO DI XmX
NUOVOMONDO DI XmX

venerdì 15 gennaio 2010

L'ARCA DI NOE' : nuove scoperte dalle tavolette cuneiformi sumere !




Una nuova tavoletta tradotta dà istruzioni per la costruzione. La scoperta di uno storico dilettante era rimasta quasi ignorata

E' ben noto che gli animali furono raccolti in coppie a bordo della enorme imbarcazione. Meno nota, tuttavia, è la possibilità che gli animali raccolti Noè nella sua arca potessero girarvi intorno e dentro.

Secondo le istruzioni di recente tradotte, scritte in antico babilonese su una tavoletta di argilla che racconta la storia dell'Arca, la nave che ha salvato un uomo virtuoso, la sua famiglia e gli animali dall'acqua provocata dall'ira di Dio, non aveva la prua appuntita, come immagina la fantasia popolare, ma era piuttosto una gigantesca zattera circolare.

La tavoletta, di circa 3.700 anni, è stata trovata da qualche parte in Medio Oriente da Leonard Simmons, un londinese autodidatta che sviluppòla sua passione per la storia mentre era in servizio presso la RAF, negli anni 1945-1948.

Essa fu ereditata da suo figlio Douglas, che lo portò a una delle poche persone al mondo che potesse leggerla, e la diede a Irving Finkel, un esperto del British Museum, che ha tradotto le sue 60 righe di scrittura cuneiforme.

Ci sono dozzine di antiche tavolette ritrovate che descrivono la storia del Diluvio, ma Finkel dice che questo è la prima a descrivere la forma della nave.

"In tutte le immagini si è sempre considerato che l'arca fosse fatta, in effetti, come una nave per l'oceano, con una prua appuntita e una chiglia per cavalcare le onde - e così è stata raffigurata", ha detto Finkel. "Ma l'Arca non doveva andare da nessuna parte, doveva appena rimanere a galla, e le istruzioni sono per un tipo di imbarcazione che gli artefici conoscevano molto bene. Questo tipo è ancora a volte utilizzato in Iran e in Iraq oggi, una specie di "coracle" rotonda che si sapeva esattamente utilizzare per il trasporto di animali su un fiume o in caso di inondazioni".

La ricerca di Finkel getta nuova luce sulla storia, familiare in Mesopotamia, che è diventata il racconto della Genesi, nell'Antico Testamento, di Noè e l'arca che salvò il suo serraglio dalle acque che coprivano ogni altro essere vivente sulla terra.

Nella sua traduzione, il dio che ha deciso di risparmiare un solo uomo parla a Atram-Hasis, un re sumero vissuto prima del diluvio, che ricopre la figura di Noè nelle antiche versioni della storia arca. "Costruisci, costruisci! Costruisci una zattera di canne! Atram-Hasis, presta attenzione al mio consiglio, e potrai vivere in eterno! Distruggi la tua casa, costruisci una barca, disprezza i beni e salvare la vita! Disegna la barca che sarà costruita con un disegno circolare. Fa' in modo che la sua lunghezza e la larghezza siano uguali".

La tavoletta prosegue con il comando di usare fibre di palma intrecciati, impermeabilizzate con bitume, e poi di costruire cabine per le persone e gli animali selvatici.

Si conclude con il drammatico comando di Atram-Hasis allo sfortunato costruttore della barca, che egli manda incontro al suo destino, a sigillare la porta una volta che tutti gli altri sono al sicuro dentro: "Quando anche io sarò salito in barca, sigilla la cornice della porta!"

Fortune sono state spese nel XIX secolo da appassionati ricercatori dell'archeologia biblica per ritrovare la prova del diluvio universale. Il mito del diluvio, elaborato nella Mesopotamia, fu incorporato nella grande epopea poetica di Gilgamesh, e Finkel, curatore della recente mostra al British Museum su Babilonia, ritiene che è stato durante la cattività babilonese che gli ebrei esiliati impararono questa storia, che riportarono a casa con loro, per inserirla nell'Antico Testamento.

Nonostante la sua unicità, la tavoletta studiata da Simmons - che è stata datata intorno al 1.700 a.C. ed è solo qualche secolo più recente della più antica nota - è stata quasi ignorata.

"Quando mio padre tornò, spedì una cassa intera di questo tipo di cose a casa - sigilli, tavolette, frammenti di ceramica", ha detto Douglas. "Le aveva forse raccolte nei bazar, e quando la gente sapeva che lui era interessato a questo genere di cose, glie le portava e lui le acquistava per pochi soldi".

Simmons senior divenne un lavoratore di scenario alla BBC, ma mantenne il suo amore per la storia, ed era molto deluso quando gli accademici respinsero i suoi tesori, come cose banali e inutili. Suo figlio portò la tavoletta a un open day del British Museum, dove Finkel "diede un'occhiata e quasi cadde dalla sedia" con entusiasmo.

"E 'la cosa più straordinaria", ha affermato Simmons della tavoletta. "Si tiene in mano, e si ha da subito una sensazione di essere collegati direttamente ad un passato molto antico - e ti dà un brivido lungo la schiena".

I predatori dell'Arca perduta

Il fascino per l'uomo del diluvio e la curiosità sul luogo in cui l'arca giace mostrano pochi segni di cedimento.

La storia ha viaggiato nei secoli dagli antichi babilonesi e continua ad affascinare nel XXI secolo.

Innumerevoli spedizioni hanno viaggiato al monte Ararat in Turchia, dove l'arca di Noè si dice che sia arrivata a fermarsi, ma la prova scientifica della sua esistenza è ancora da trovare.

Recenti sforzi per trovarla sono state guidate dai creazionisti, che sono desiderosi di mostrare la prova della verità letterale della Bibbia.

"Se il diluvio di Noè infatti spazzò via l'intero genere umano e la sua civiltà, come insegna la Bibbia, l'arca costituisce il restante collegamento importante con il mondo antidiluviano", spiega John D Morris dell'Institute for Creation Research.

"Nessun manufatto significativo potrebbe mai essere di maggiore antichità o importanza".

In epoca vittoriana alcuni rimasero ossessionati con la storia arca. George Smith - un umile assistente del British Museum che, nel 1872, decifrò la Tablet Flood, che reca scritta la versione assira del racconto dell'arca di Noè - a quanto pare non poteva contenere la sua eccitazione di fronte alla propria scoperta.

Secondo gli archivi del museo: "Egli balzò in piedi e si precipitò nella stanza in un grande stato di eccitazione e tra lo stupore dei presenti cominciò a spogliarsi".

Da: La Porta del Tempo

(1 Gennaio 2010)
link: http://www.guardian.co.uk/uk/2010/jan/01/noahs-ark...

Nessun commento: