IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens

IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: la vera genesi dell'Homo sapiens
VIDEO TRAILER

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO

VIDEO SINOSSI DELL'UOMO KOSMICO
VIDEO SINOSSI DELL' UOMO KOSMICO
Con questo libro Marco La Rosa ha vinto il
PREMIO NAZIONALE CRONACHE DEL MISTERO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO 2014
* MISTERI DELLA STORIA *

con il patrocinio di: • Associazione socio-culturale ITALIA MIA di Roma, • Regione Lazio, • Provincia di Roma, • Comune di Arcinazzo Romano, e in collaborazione con • Associazione Promedia • PerlawebTV, e con la partnership dei siti internet • www.luoghimisteriosi.it • www.ilpuntosulmistero.it

LA NUOVA CONOSCENZA

giovedì 15 marzo 2018

FORSE RISOLTO IL MISTERO DI AMELIA EARHART



Amelia Earhart, ritrovati i resti della prima aviatrice che ha sorvolato in solitaria l’Atlantico (?)

Una misteriosa scomparsa:


Tutti dovrebbero conoscere la storia di Amelia Earhart, una grandissima donna. Lei è stata la prima donna aviatrice a compiere in solitaria la traversata dell’Oceano Atlantico. Un’impresa che le è valsa moltissimo in termini di popolarità e ammirazione, anche se la sua storia viene ancora troppo poco raccontata. Misteriosa anche la sua scomparsa, avvenuta durante un volo. Ma pare che oggi i suoi resti siano stati finalmente rinvenuti.

(Per molto tempo si è anche parlato della scomparsa della Earhart in relazione ai misteri del famoso “Triangolo delle Bermuda” – ndr)



Nel 1937 Amelia Earhart scomparve misteriosamente insieme al navigatore Fred Noonan, mentre si trovava sopra l’Oceano Pacifico meridionale. Molte le ipotesi sulla sua tragica fine: si sospettava che l’aereo fosse caduto in acqua. Mentre oggi si pensa che l’aviatrice e il suo navigatore siano morti da naufraghi sull’isola di Nikumaroro.


I resti in realtà vennero ritrovati nel 1940 su una remota isola dell’Oceano Pacifico Meridionale. Oltre alle ossa vennero trovate una scarpa di donna, una scatola di un sestante simile a quella del copilota e una bottiglia di una bevanda che l’aviatrice portava sempre con se. All’epoca, però, si disse che i resti appartenevano a un uomo. Nuovi studi condotti da Richard Jantz, del Centro di Antropologia Forense all’Università del Tennessee, e pubblicati sulla rivista Forensic Anthropology, svelano che quei resti possono davvero essere dell’aviatrice che nel 1931 ha battuto il record mondiale di altitudine con 5.613 metri e che è stata la prima donna e il secondo pilota dopo Lindbergh a sorvolare da sola l’Oceano Atlantico, oltre ad essere la prima donna aviatrice ad attraversare in volo Stati Uniti e Pacifico.


Richard Jantz, utilizzando il programma informatico Fordisc, ha stabilito sesso, età e statura partendo dalle misurazioni dei suoi resti ossei. La somiglianza con Amelia Earhart è maggiore rispetto al 99% di individui in un vasto campione preso come riferimento.Il ricercatore ha detto: “Finché non vengono trovati dati e prove che lo possano smentire, la spiegazione più convincente è che quei resti appartengono a lei“.

https://www.bigodino.it/lifestyle/amelia-earhart-ritrovati-i-resti-della-prima-aviatrice-che-ha-sorvolato-in-solitaria-latlantico.html

AGGIORNAMENTO:

Qualche giorno fa anche in Italia è giunta la notizia dell’identificazione dei resti della famosa aviatrice Amelia Earhart, scomparsa nel 1937 mentre pilotava il suo aereo nel Pacifico. La notizia, riportata da innumerevoli testate, si riferisce ai risultati di uno studio condotto da Richard Jantz del Centro di Antropologia Forense all’Università del Tennessee circa dei resti rinvenuti nel 1940 sull’isola del Pacifico Nikumaroro. Secondo il team di Snopes siamo ancora di fronte ad un caso non concluso e che forse non si concluderà mai. Secondo ciò che sappiamo nelle prime ore del mattino del 2 luglio 1937, Amelia Earhart partì dall’aerodromo di Papua Nuova Guinea su una rotta per un’isola piccolissima, Howland Island, nel Pacifico. La Earhart non arrivò mai. Si ipotizza che fosse rimasta senza carburante e che non fosse arrivata in tempo alla zona dell’Oceano in cui la guardia costiera Itasca la attendeva per sorvegliare sul rifornimento che avrebbe dovuto fare in Oceano. Il gruppo del The International Group for Historic Aircraft Recovery (TIGHAR) è da solo responsabile della maggior parte delle notizie su Amelia Earhart negli ultimi dieci anni. L’ipotesi del TIGHAR si basa sul presupposto che le ossa recuperate su un’isola a circa 350 miglia nautiche a sud di Howland, chiamata, Nikumaroro Island (ma conosciuta all’epoca come Gardner Island), appartengano alla Earhart. Le ossa erano state trovate nel 1939. Un abitante dell’isola di Nikumaroro si imbattè in un teschio e una bottiglia. Nel settembre 1940, la notizia del ritrovamento era arrivata a Gerald “Irish” Gallagher, il primo ufficiale in carica del Phoenix Islands Settlement Scheme, il quale mandò un telegramma ai suoi superiori riguardo alla scoperta, suggerendo che potevano essere le ossa di Amelia Earhart e che avrebbero dovuto tenere la situazione a bada. Successivamente Hoodless, il preside della Central Medical School di Suva, nelle Figi, eseguì una seconda ispezione. Molte delle informazioni che attualmente abbiamo su queste ossa provengono proprio dai rapporti di questo medico che arrivò alla conclusione che si trattasse delle ossa di un uomo, ipoteticamente polinesiano o europeo. (?) Le ultime notizie sui ritrovamenti dei resti della Earhart provengono dalle dichiarazioni di Jantz, che ha ribadito ciò che già nel 1998 aveva affermato. Il suo articolo del 2018 è principalmente una risposta a una critica del 2015 sulle loro ricerche, nella quale si sosteneva che il gruppo non avesse ragioni sufficienti per mettere in discussione l’analisi delle ossa del 1941. Secondo Jantz, utilizzando i metodi moderni per analizzare le ossa ritrovate a Nikumaroro, il risultato dice che al 99% si tratta della Earhart. Oggi ci si basa ancora su studi fatti sempre e solo su documenti e descrizioni, in quanto le ossa non possono essere più esaminate in quanto sono andate perse dopo l’analisi di Hoodless.




PER APPROFONDIMENTI:






SE TI E' PIACIUTO QUESTO POST NON PUOI PERDERE:

LA VERA "GENESI" DELL'UOMO E' COME CI HANNO SEMPRE RACCONTATO? OPPURE E' UNA STORIA COMPLETAMENTE DIVERSA?

"L'UOMO KOSMICO", TEORIA DI UN'EVOLUZIONE NON RICONOSCIUTA"
" IL RISVEGLIO DEL CADUCEO DORMIENTE: LA VERA GENESI DELL'HOMO SAPIENS"
DI MARCO LA ROSA
SONO EDIZIONI OmPhi Labs






Nessun commento: